Lottomatica: «Basta poco per restare tra le grandi»

Battuta sabato scorso Biella in campionato per 94-80, arriva la gara che chiude la stagione regolare di Eurolega: giovedì prossimo, infatti, contro i francesi del Chorale Roanne, la Lottomatica Roma scriverà la parola fine a uno dei momento di enorme importanza della stagione in corso. Una vittoria, alla portata dei capitolini, proietterebbe da quinta in classifica, i romani alle Top16 di Eurolega già qualificate. Repesa pensa al mercato e sottolinea: «Non chiedo Michael Jordan, dico solo che in simili condizioni, con una stagione per certi versi particolare e con le prime non così distanti, basterebbero due innesti per potercela giocare con tutti. Garantisco in prima persona, sono convinto che mai come quest’anno, con due rinforzi giusti, riusciremmo a giocarcela fino alla fine in Europa e in Italia». Parole di un tecnico che si rende conto che se la sua Lottomatica è riuscita a battere Panathinaikos, Real Madrid e Barcellona tarpata da mille vicissitudini, con innesti di un certo livello, potrebbe aspirare addirittura alle Final Four di Eurolega. «Basterebbe - aggiunge il tecnico - aumentare il budget preventivato di un 10%. Non un enormità». Tesi confortata da Dejan Bodiroga: «Sul perimetro, questa Lottomatica ha davvero pochi avversari in Europa. Abbiamo tutto, talento, potenza, forza, atletismo, centimetri e mani molto buone al tiro. Adesso rinforzeremo questa squadra anche se dobbiamo scegliere bene come intervenire, servono i giusti innesti». Se due autentici guru del basket europeo, si lanciano in proclami del genere, Roma può davvero sognare. Ovviamente c’è bisogno di tanti fattori, perché il nodo cruciale dei discorsi di Repesa e Bodiroga, verte tutto sul livello dei due rinforzi che si stanno vagliando. Vengono definiti «giusti»: a più riprese il coach ha spiegato di voler giocatori e uomini soprattutto che sappiano calarsi al meglio in un gruppo che comunque con mezzi limitati è ancora in grado di vincere almeno a due delle competizioni alle quali partecipa. Arrivassero due «giusti» anche le Final Four di Eurolega di Madrid, non sarebbero follia: «Non aggiungo altro - chiude Repesa - Sono contento di come la squadra ha saputo battere Biella e soprattutto che nessuno si è fatto male». E a breve tornerà disponibile anche Stefansson.