La Lottomatica dimentica Napoli con Ekezie

Marcello Castaldi

La Virtus è tornata a Roma da Napoli con un sonoro 90-74 sulle spalle, ma con la consapevolezza che un semplice incidente di percorso non può mutare certo l’ottimo momento della squadra. Si avvicina l’esordio di Obinna Ekezie, il centro di nazionalità nigeriana che ha sottoscritto con la società di patron Toti un contratto sino al termine della stagione in corso. Nato il 22 agosto 1975 a Port Harcourt, in Nigeria, Ekezie, con i suoi 208 cm, che portano a spasso 120 kg, è il tassello che mancava a questa Virtus per diventare ancora più competitiva. Il nuovo pivot, che indosserà la maglia numero 19, è stato presentato alla stampa dal gm della Lottomatica, Roberto Brunamonti: «Obinna era la nostra prima opzione sin dalla scorsa estate - rivela Brunamonti - poi, per vari motivi, dall’attesa per la green card agli ultimi tagli Nba, non si è fatto più nulla. Per fortuna dopo la vicenda Trent lui era disponibile e adesso con nostra soddisfazione è arrivato». Il nigeriano, sin dalle sue prima parole, ha suscitato consensi unanimi: «Roma è una città molto famosa in tutto il mondo. L’opportunità di essere qui e di giocare con una squadra di ottimo livello mi rende davvero contento». Il suo amore per la pallacanestro ha una sua origine ben precisa: «La mia carriera cestistica è iniziata nel 1992, quando dalla Nigeria mi sono trasferito negli Stati Uniti, ma tutto nacque perché iniziai a vedere giocare in tv il mio unico idolo: Hakeem Olajuwon. Ancora oggi è un mito in Nigeria e se ho giocato a basket lo devo a lui».
Con il suo arrivo, Roma finalmente potrà schierare una formazione bilanciata in ogni reparto: «Sono un uomo d’area. In attacco amo giocare in post-basso con movimenti spalle a canestro. Il contributo principale cerco di darlo difendendo con intensità e con il controllo dei rimbalzi». Da pochi giorni ha iniziato ad allenarsi con il resto del gruppo: «In questo momento ho bisogno di allenarmi con intensità per ottenere un buono stato di forma. Ciò mi permetterà di integrarmi con più facilità negli schemi offensivi e difensivi della squadra». Anche Pesic vede rosa: «L’arrivo di un atleta dell'esperienza e della qualità di Ekezie non può che farci contenti. Siamo soddisfatti e finalmente al completo». Domani la Virtus torna in Europa: nella nona giornata di Uleb cup arriva a Roma la Stella rossa. Si deve vincere a tutti i costi e per Ekezie potrebbe essere l’ora dell’esordio, anche se per pochi minuti.