La Lottomatica ritrova il sorriso: colpo a Treviso

La Lottomatica non scende dall’ottovolante in questa sua stagione piena di contraddizioni. Nell’anticipo dell’ora di pranzo approfitta del difficile momento della Benetton Treviso e vince una partita molto importante per puntellare una classifica ancora anonima e ritrovare il sorrisono dopo le tre sconfitte consecutive contro Panathinaikos, Rieti e Real Madrid.
I romani si sono imposti 85-81 soprattutto grazie a un buon finale. Parte bene Treviso, che in settimana ha «tagliato» DerMarr Johnson, ma Atsur, Chalmers e Mensah Bonsu sono in giornata e a 2 minuti dalla fine del primo quarto la Benetton vola a +7 (19-12). La prima frazione finisce 27-20, con l’enfant du pays Gregor Fucka ancora a secco. Nel secondo quarto entra in campo il neoacquisto trevigiano De La Fuente, mantre i romani se la devono vedere con il nervosismo di Erazem Lorbek, involontario protagonista del pasticcio che l’anno scorso costò caro a Treviso: lo sloveno sembra soffrire lo scomodo appuntamento e al 14’ è già appesantito da quattro falli, tra cui uno per proteste. La Benetton al 15’ raggiunge il massimo vantaggio sulla Lottomatica: +13 (35-22). De La Fuente è assolutamente in partita. Un tiro da fuori lunetta preciso da tre come un obice risolve una situazione difficile per i padroni di casa con Fucka e Hawkins che sbarrano la strada a canestro. Ma a 1’41” dal fischio della sirena di metà gara la Lottomatica si avvicina a Treviso: 42-41. Poi il sorpasso con Gabini e Fucka e la reazione dei padroni di casa con Mordente. Ma il finale è tutto romano. Negli spogliatoi si va sul 47-51 per Roma.
Alla ripresa la Benetton, nonostante il gioco nervoso e scattante, non riesce a recuperare lo svantaggio sui romani che mettono il turbo a Fucka, Ray e Hawkins: 51-57, 54-62, 58-62 tutto in pochi secondi. I trevigiani sembrano riprendersi. Il terzo quarto viene sbloccato da Austin (60-64). Ray è però troppo pericoloso e la Benetton in difesa ha le maglie troppo larghe. Soragna riduce il punteggio (63-67). Ma ancora Ray demoralizza la difesa trevigiana: 63-69, punteggio con cui si va all’ultimo miniriposo. La Benetton va in confusione nell’ultimo quarto e va sotto di 6 (65-71). Atsur la riavvicina con una bomba da tre (68-71), un fallo su Mensah Bonsu riapre i giochi a 6’ dal termine. E Atsur ancora da 3 riporta la parità (71-71). La Lottomatica spinge ancora con Ray (72-75). A 30” il finale al cardiopalma (76-79). Ma la Lottomatica grazie a Stefansson (79-81) costringe negli ultimi 15” la Benetton alla resa.
Nella Lottomatica miglior marcatore Ray con 19 punti. Dietro di lui un ottimo Stefansson e Hawkins con 14, quindi Ukic con 12, Lorbek con 7, Fucka e Tonolli con 6 e Gabini con 5. Nei tiri da due la Lottomatica al 50 per cento (15 su 30), in quelli da tre al 38 per cento (10 su 26) e nei liberi al 73 (25 su 34). Per la Lottomatica ancora 33 rimbalzi (8 di Ray, 5 di Fucka e Stefansson) e 28 falli.