Love Bugs ricomincia dalla Surina

L’ex vj di Mtv in coppia con Emilio Solfrizzi nella nuova serie della sitcom di Italia 1

da Milano

Emilio Solfrizzi è un quarantenne venditore d’automobile, ipocondriaco, maniaco dell’ordine e amante della tranquillità domestica. Giorgia Surina è una trentenne stile «figlia dei fiori», dinamica, solare e idealista. Fanno sorridere già dalla descrizione i protagonisti di Love Bugs 3, in onda da stasera tutti i giorni alle 19.30 su Italia 1. «Siamo una coppia completamente diversa da quelle che ci hanno preceduto», racconta la Surina. La novità più importante rispetto alle coppie Fabio De Luigi-Michelle Hunziker e Fabio De Luigi-Elisabetta Canalis, è la differenza di età. «Io mangio schifezze sul divano davanti alla tv, mi butto a occhi chiusi in situazioni strampalate. Al contrario, Emilio è pignolo e sempre ligio al dovere». In pratica, il ruolo di Giorgia è quello di disturbare Emilio. «Ma anche d’infondere allegria, freschezza ed entusiasmo alla nostra coppia. Per lui sono una boccata d’aria fresca, un’occasione per evadere dall’abitudine e trovare nuovi stimoli. E lui mi rassicura». L’identikit di entrambi è molto preciso. Emilio lavora come capovendite in una concessionaria di auto, e il suo sogno è aprire un’attività tutta sua, tanto che per hobby costruisce modellini di auto. La sua ex l’ha mollato per un altro pochi giorni prima delle nozze, così ora è irrimediabilmente geloso. Ricolma Giorgia di attenzioni e regali, le cucina e cerca di mettere ordine nel disastro di vestiti e cartacce che lei lascia in giro per casa. Lo logora solo il complesso di essere un po’ troppo «vecchio» per la frizzante compagna. Dall'altra parte Giorgia lavora come insegnante di inglese in una scuola privata e si dedica ogni volta che può al volontariato. «Però nella vita reale il mio carattere è più simile a quello del personaggio di Emilio», confessa la Surina. «Sono amante dell’ordine e della precisione e mi arrabbio se il mio fidanzato (Dario, un imprenditore, ndr) non fa niente in casa. Interpretare Giorgia è stato come entrare in analisi. Mi ha insegnato a non prendermi troppo sul serio, a ridere un po’ delle mie fissazioni. E dato che le gag di Love Bugs prendono tutte spunto dalla realtà, mi hanno dato anche modo di riflettere sulla mia vita di coppia. Insomma, prima d’ora non avevo mai recitato. Ma visto come mi sono divertita, fare l’attrice sta diventando il mio sogno».