Low cost Easyjet aumenta i ricavi e vede il 2009 in attivo

La compagnia aerea low-cost britannica Easyjet comunica di aver registrato un fatturato di 550 milioni di sterline (pari a 580 milioni di euro) nel quarto trimestre dell’anno scorso, con una crescita tendenziale del 31,5%. Il ricavo totale per posto è stato pari a 45,57 sterline, con un incremento tendenziale del 23,4%. Sono stati trasportati 10,1 milioni di passeggeri, il 10,1% in più rispetto allo scorso anno, con una crescita del 20% del numero di passeggeri nell’Europa continentale. «La posizione della società risulta rafforzata nei mercati più importanti: Gatwick, Milano, Parigi e Madrid», si legge nella nota dalla società.
La situazione patrimoniale al 31 dicembre 2008 includeva cassa e banche attive per un ammontare pari a 801 milioni di sterline. «È una buona performance, specialmente la crescita del 14% sul ricavo totale per posto alla valuta corrente e la crescita del 20% del numero di passeggeri fuori dal Regno Unito - ha commentato Andy Harrison, ad di Easyjet - nell’attuale situazione di mercato c’è una ricerca di vantaggio economico dimostrata dalla sempre maggiore preferenza accordata dai consumatori europei al network Easyjet, che vola su aeroporti principali. Questo controbilancia una minore incisività nei voli leisure e permette a easyjet di continuare a guadagnare quote di mercato». «I ricavi Easyjet per il primo semestre saranno sopra le aspettative, sebbene le prospettive sui ricavi unitari per l’estate siano incerte a causa della difficoltosa condizione macroeconomica e del potenziale impatto del rafforzamento dell’Euro sulla sterlina - ha detto ancora Harrison -. Conseguentemente, con l’attuale prezzo del carburante e all’attuale tasso di cambio Easyjet si aspetta di chiudere in positivo l’anno».