Luc Besson «animato» Le origini di Hannibal

Cinque anni di lavoro, 400mila disegni di storyboard, per un film realizzato in 3D e live action con attori in carne ed ossa. Uscito in Francia nel dicembre 2006 con un incasso di 40 milioni di euro, Arthur e il popolo dei Minime, appassionante viaggio iniziatico tra realtà e fantasia, segna il debutto di Luc Besson nel mondo dell'animazione. Primo di una trilogia (sempre di Besson i futuri Arthur e la città proibita e Arhtur e la vendetta di Maltazard), il film è una spettacolare favola di un bambino risucchiato nel mondo dei piccoli Minimei, alti appena due millimetri.
Ambientato a Londra, metropoli che conosce un continuo cambiamento culturale e geografico, dove il divario tra ricchi e poveri è abissale, arriva in sala Complicità e sospetti, il film del premio Oscar Anthony Minghella intepretato da Jude Law e Juliette Binoche. Prendendo spunti da una serie di furti, con particolari implicazioni emotive, il regista porta sullo schermo i problemi della società multietnica londinese.
Viaggio tra incubi, stati mentali allucinati e sdoppiamenti della personalità con Inland Empire firmato dal maestro David Lynch dove un'attrice (Laura Dern) è chiamata a recitare in uno stato in cui non riesce a capire qual è la realtà in cui vive.
Dalle ribalte festivaliere internazionali (Cannes 2006, Noir in festival), in sala La voltapagine, il thriller psicologico tutto al femminile in cui si mescolano musica, passione e vendetta diretto da Denis Dercourt. Sullo schermo la storia di Mélanie (Deborah François, la protagonista de L'Enfant dei Dardenne), una giovane che, eliminata da un concorso per pianoforte, si rifarà - da adulta - sulla donna che ha cambiato il suo destino.
Ritorna sugli schermi il serial killer più famoso della storia con Hannibal Lecter, Le Origini Del Male - il film tratto dal libro di Thomas Harris, incentrato sulle origini di Lecter,fino alla trasformazione in assassino -, diretto da Peter Webber e intepretato dall'attore francese Gaspard Ulliel e Gong Li, nel ruolo della signora Murasaki, una sorta di oscura maestra per Lecter.
In uscita anche Tenacious D e il destino del rock, il film biografico di Liam Lynch con Jack Black, Tim Robbins e Ben Stiller, nel quale l'attore Jack Black, insieme a Kyle Gass, racconta la nascita della band - con l'omonimo nome - nel 1994 a Los Angeles; e la commedia romantica L'amore non va in vacanza con la regia di Nancy Meyers, storia di due donne, deluse sentimentalmente, che si scambiano la casa e le esistenze.
In sala anche due titoli italiani, l'esordio cinematografico di Ale e Franz, Mi fido di te, vicenda di truffe e di amicizia tra due tipi strani, diretti da Massimo Venier, e Apnea, il film drammatico diretto da Roberto Dordit con Claudio Santamaria ed Elio De Capitani, storia di un uomo alla ricerca della verità sulla vita di un suo amico defunto.