Luca Gemma presenta il nuovo disco

Prima di Luca Gemma solista c’erano i Rossomaltese, tra le band più insolite e originali del nuovo rock indipendente italiano degli anni ’90. «Io e Gino De Crescenzo (in arte Pacifico) abbiamo fondato il gruppo e insieme scrivevamo i pezzi. Lui si occupava delle musiche e io dei testi, che poi cantavo» racconta il cantautore milanese d’adozione. Esaurita l’esperienza Rossomaltese, Gemma ha continuato a scrivere: per altri colleghi, per il cinema, la radio, il teatro, la tv e, naturalmente, anche per se stesso. E ora, a più di due anni dall’esordio solista Saluti da Venus, si ripropone con Tecniche di illuminazione, l’accattivante seguito, che presenterà questa sera in concerto. «Coniugare la leggerezza e l’accessibilità di una canzone con un significato profondo e un suono accattivante». Questa la filosofia del nuovo disco, riuscito esempio di pop-rock d’autore, in uscita venerdì. «Mi sono trasformato nel cronista della vita attorno a me, costruendo le canzoni come altrettanti micro-documentari - spiega -. Protagonisti i personaggi, dei quali ho descritto una quotidianità di sentimenti». E ancora: «C’è sempre un luogo, un tempo definito e qualcuno da inquadrare con la luce giusta. I personaggi si inventano le loro tecniche per vivere. Per trovare il proprio lampo di luce, la propria oasi di felicità».
Luca Gemma
Salumeria della Musica
ore 22 ingresso 10 euro