Di Luca vince in salita: è il nuovo leader della Vuelta

Eccesso di velocità: il gruppo è stato denunciato

Una vittoria che vale oro, ma anche l’azzurro. Danilo Di Luca si è aggiudicato ieri la prima tappa montana di questa Vuelta e grazie al suo exploit ha vestito la «maglia oro» di leader della classifica e si è guadagnato molto probabilmente un ruolo di primo piano nella nazionale di Franco Ballerini, che il prossimo 24 settembre, a Salisburgo, andrà a caccia del titolo mondiale.
Prime montagne e prima vittoria stagionale per Di Luca che ha regolato allo sprint lo sloveno Janez Brajkovic e il kazako Andrei Kashechkin. L’abruzzese ha costruito il suo sorprendente successo negli ultimi 5 chilometri con la collaborazione di Alejandro Valverde. I due, che hanno risposto ad un primo scatto di Sastre, hanno fatto selezione mandando in crisi molti dei protagonisti più attesi come Denis Menchov e il kazako Alexandre Vinokourov. «Sono andato fortissimo e sono felice per questo successo e per questa maglia oro – ha detto Di Luca –. È una vittoria che dà morale e fa ben sperare anche in chiave azzurra. Oggi sono andato davvero come una moto».
Chissà se qualche vigile gli ha elevato la multa per eccesso di velocità? No, non è una battuta. L’altro ieri, sul traguardo di Caceres (dove ha vinto Zabel in volata), uno zelante vigile ha multato tutto il gruppo per eccesso di velocità: «Il limite era di 50 all’ora», si è giustificato il contravventore con i suoi superiori.