Euroluce, la tecnologia crea il design dell'emozione

Al Salone del Mobile la biennale con 454 espositoti esplora le nuove frontiere progettuali. Led e Oled, wireless e domotica consentono di "dialogare" con chi vive gli ambiente e creare progetti personalizzati d'illuminazione

La luce contemporanea è definita, a ragione, come la “la quarta dimensione del design”, ed anche la quarta dimensione dello stile dell’abitare a casa, nei luoghi di lavoro, negli spazi pubblici definita da un mix qualità industriale, design, materiali, nuove tecnologie light e tech. Al Salone Internazionale del Mobile 2017 dal 4 al 9 aprile in Fiera Milano innovazione tecnologica e approccio architetturale e di progetto sono gli indiscussi protagonisti della biennale Euroluce che, con oltre 39.000 metri quadrati di spazio espositivo in 4 padiglioni (9-11 e 13-15) e i suoi 454 espositori di cui la metà esteri, si conferma come la fiera internazionale di riferimento del mondo della luce.

Un percorso lungo il quale si scopre un’offerta produttiva unica per varietà e completezza: dalle novità in fatto di apparecchi per l'illuminazione d'ambiente alle innovazioni per sistemi di illuminazione, sorgenti luminose e software per le tecnologie della luce fino all’uso di nuovi e originali materiali ecosostenibili. Illuminazione classica, decorativa e design-oriented per l'interior e l'outdoor, per i settori contract e workplace e prodotti sviluppati per l'illuminotecnica fanno di Euroluce la più stimolante - e attesa - piattaforma internazionale per il mercato dell'illuminazione e del suo business senza frontiere.

Mercato nel quale il sistema italiano delle aziende del lighting gioca un ruolo di primo piano. Nei primi 10 mesi del 2016 la “luce” made in Italy ha continuato a conquistare l’interesse dei consumatori di tutto il mondo con un giro d’affari all’estero superiore a 1,3 miliardi di euro, grazie agli exploit di Emirati Arabi Uniti (+49,1%), Svizzera (+12,1%) e Belgio (+6,8%). A cui si aggiungono i riscontri positivi del mercato francese (oltre 159 milioni di euro di export tra gennaio e ottobre 2016, +5,9%) ormai primo mercato di riferimento per il settore.

Euroluce 2017 è un incubatore di tendenze, ispirazioni, idee in progress. Il lighting design punta sempre più a creare progetti d'illuminazione pensati per migliorare il benessere e la qualità della vita e delle attività svolte in ogni tipo di spazio. Tema, quello della ricerca di un equilibrio armonico tra i due valori: la funzionalità, intesa come capacità di rispondere in modo efficiente alle necessità di illuminazione e l'emozionalità, intesa come percezione fisica ed emotiva dello spazio illuminato.

Equilibrio che trova sostanza nelle nuove tecnologie Led e Oled e dei sistemi intelligenti di illuminazione di ultima generazione. Il Led crea una simbiosi perfetta tra luce e spazio costruito dando origine alla luce architetturale: colore, intensità e diffusione influiscono sul benessere e sull'efficienza delle persone. L’Oled connette la luce ai sistemi domotici e di automazione per renderla responsive e capace di adattarsi ai nostri stati d'animo, alle differenti circostanze. Crea l'atmosfera a noi più congeniale e assicura una sinergia perfetta tra efficienza energetica, comfort e sicurezza. Evoluzione con cui si instaura un dialogo emozionale con gli ambienti generando differenti livelli di comfort. Quando si parla di “arredamento d’ambiente” ormai non si può prescindere da questo elemento che si rivela sempre più fondamentale.

E le nuove tecnologie spingono e ispirano la progettualità dell’oggetto di illuminazione. Un esempio? L'illuminazione wireless permette di creare sorgenti luminose trasportabili, sia all'interno sia all'esterno degli spazi abitativi. Aziende del lighting e aziende d'arredo a Euroluce propongono così nuove soluzioni personalizzate in grado di interpretare e “riflettere” il proprio mood all'interno degli spazi domestici. Così l’uomo è sempre più al centro del progetto d'illuminazione e la luce diventa strumento che dialoga con noi e risponde in modo diverso in base al nostro umore, ai nostri bisogni, alle condizioni climatiche, alle esigenze di risparmio energetico.