Luce e gas: rincari più leggeri

da Milano

Arrivano a gennaio i nuovi rincari di elettricità e gas per il primo trimestre 2006: la luce aumenterà del 2,5%, mentre per il gas l’aumento sarà dello 0,7%, contro previsioni che arrivavano fino al 5%. Per una famiglia-tipo italiana questo si tradurrà in un rincaro di circa 7 euro l’anno per il gas e di 9,2 euro per l’energia elettrica. Complessivamente, afferma un comunicato dell’Autorità per l’energia, considerando che per i piccoli consumatori la spesa per il gas incide più di quella per l’elettricità, l’aumento complessivo sarà dell’1,3% rispetto all’ultimo trimestre del 2005. Per il settore domestico l’aumento è di 0,34 centesimi di euro per chilowatt: la tariffa diventa così di 13,73 centesimi di euro al kw. Per il gas l’aumento complessivo risulta do 0,48 centesimi di euro al metro cubo. È interessante vedere che cosa compone il prezzo del gas: l’11,6% del prezzo va al costo di distribuzione delle reti locali, il 4,7% alla rete nazionale, l’1,4% allo stoccaggio, il 5,5% alla commercializzazione all’ingrosso e il 3,7% a quella al dettaglio. La materia prima pesa solo per il 30,4%, in compenso le tasse arrivano a coprire il 42,7% dell’intera bolletta. «La decisione presa dall'Autorità per l'energia dimostra come il governo Berlusconi abbia mantenuto gli impegni per un forte contenimento delle tariffe di elettricità e gas» ha detto il ministro delle Attività produttive, Claudio Scajola.