Luce e gas, la stangata: +81 euro per famiglia

Autunno caldo per le bollette di elettricità e metano. Secondo le stime di Nomisma energia rincari rispettivamente del 6 e del 3,7% nel periodo ottobre-dicembre. L'ultima parola spetta all'Authority

Roma - Autunno caldo, soprattutto per le tariffe. I prezzi della luce e del gas nel prossimo trimestre ottobre-dicembre sono attese a nuovi aumenti. Le bollette del metano starebbero per mettere a segno un aumento del 6% mentre per l’elettricità il rincaro dovrebbe attestarsi al 3,7%. Se la stima messa a punto da Nomisma energia trovasse conferma dall’Autorità per l’energia, per le famiglie sarebbe in arrivo un nuovo aggravio da oltre 81 euro su base annua: le bollette della luce salirebbero infatti di oltre 18 euro l’anno mentre quelle del gas subirebbero un aumento superiore ai 63 euro. L’ultima parola sull’andamento delle bollette elettriche per l’ultimo trimestre dell’anno spetta comunque all’Authority che, entro fine mese, dovrà rendere noto l’aggiornamento.

Le stime Dal primo ottobre prossimo e per i prossimi tre mesi - spiega Davide Tabarelli, esperto tariffario di Nomisma Energia - le tariffe elettriche sono attese registrare un incremento del 3,7 per cento. Un aumento che per una famiglia tipo, con 225 chilowattora consumati in un mese e una potenza impegnata di 3 chilowatt, si tradurrebbe in una maggiore spesa annua di 18 euro su base annua con il costo del chilowattora in aumento di 0,66 cent a 18,6 centesimi. Sul fronte del gas, invece, l’atteso incremento è ancora più consistente e si aggira sul 6 per cento. Vale a dire un aumento del costo del metro cubo che, per la stessa famiglia tipo (con consumi pari a 1.400 metri cubi di metano l’anno) comporterebbe un aggravio, sempre su base annua, di circa oltre 63 euro. Un metro cubo di metano costerà cioè 4,5 centesimi in più a 80,2 cent.

Salasso La spesa complessiva degli italiani per le bollette della luce e del gas potrebbe lievitare così di 81,60 euro su base annua rispetto ai livelli attuali, spiega Tabarelli. Il nuovo rincaro si andrebbe ad aggiungere a quelli già scattati - spinti dal caro-petrolio degli ultimi mesi - nei trimestri precedenti. Per quanto riguarda l’elettricità - spiega Tabarelli - le stime si basano sull’andamento dei prezzi di Borsa e dei costi per l’acquisto del gas, principale fonte per la produzione elettrica, mentre per il metano le previsioni sono elaborate in base agli "automatismi tariffari legati a greggio e prodotti petroliferi. Le stime riguardano quasi tutto l’intero periodo di riferimento per il prossimo aggiornamento dell’Authority" aggiunge l’esperto sottolineando che gli attesi rincari risentono fortemente dell’andamento delle quotazioni dell’oro nero. Gli aggiornamenti trimestrali si basano infatti - ricorda infine l’esperto - sulle medie dell’andamento delle materie prime dei 6 mesi precedenti per l’elettricità e sui nove mesi antecedenti per quanto riguarda, invece, le tariffe del gas. Nel prossimo trimestre le bollette risentiranno così in pieno delle fiammate del greggio che nei mesi scorsi ha visto il barile di oro nero sfondare record storici, spingendosi fino a quasi 150 dollari.