Luci, design e scultura: è il salone del mobile

Milano - 342mila metri quadrati di spazio occupato, 2.159 espositori italiani e stranieri. Si prospetta un’edizione da record la 46/ma del salone del mobile. Il più grande evento internazionale di arredo e design, che trasforma ogni anno Milano in un polo d'attrazione di valenza mondiale. Fino a lunedì la Fiera di Rho ospita il salone internazionale del mobile, il salone internazionale del complemento d’arredo, la biennale Euroluce e SaloneSatellite. L’anno scorso erano stati 223mila i visitatori. Quest'anno, per l'accoglienza alberghiera, le prenotazioni sono arrivate addirittura a Piacenza, a Novara e a Lugano.

Euroluce Le luci saranno protagoniste della mostra "Racconti di luce", organizzata in occasione della 24/ma edizione di Euroluce, l’expo dell’illuminazione collegata al salone del mobile. La Loggia dei Mercanti, vicino piazza Duomo, da oggi sarà teatro dell'estro creativo del lighting designer tedesco Herbert Cybulska.

SaloneSatellite Per festeggiare il decimo anniversario, il SaloneSatellite, l'evento dedicato alle giovani promesse e alle scuole di design, propone la mostra "Avverati". Verranno esposti, per l'occasione, i progetti e i prototipi presentati al salone che sono andati poi in produzione, entrando nel catalogo di aziende prestigiose.

Fuori Salone Altri eventi e manifestazioni collaterali animeranno le vie cittadine giorno e notte. Milano diventerà il palcoscenico mondiale dell'architettura e del design anche al di fuori dei padiglioni della fiera, grazie al "Fuori salone". Un'iniziativa nata 15 anni fa per chi non aveva la possibilità di partecipare al salone e che comprende, a oggi, oltre 370 eventi.

La cowparade Come altre 40 città (tra cui New York, Chicago, Sydney, Londra, Parigi, San Paolo, Tokyo), anche Milano è invasa dalle cento "mucche d'artista". In vetroresina, a grandezza naturale, trasformate da giovani artisti, popolano strade e piazze milanesi: tra cui quelle del Duomo, corso Vittorio Emanuele, piazza della Scala, la Triennale e le stazioni della metropolitana. La mostra a tema di arte contemporanea, nata da un'idea dello scultore svizzero Pascal Knapp, dal 1998 coinvolge centinaia di creativi. Finalità dell'evento è raccogliere fondi, attraverso un'asta della fondazione onlus "Champions for children", per aiutare i bambini più disagiati.

Il design diventa fiaba in via Tortona Dal Pinocchio gigante rivestito di mosaico alla maxi teiera stile Alice nel paese delle meraviglie, via Tortona si presenta come un enorme parco giochi per adulti, dove perdersi tra tavolini sorretti da cinghiali, sexy lampade a forma di guepière e cavalli con lampade sulla criniera.

"Oasi verde" alla stazione di Porta Garibaldi Uno spazio per i viaggiatori. Per evadere dal caos della città. E' l'idea di giardino pensile pensata da Andrea Branzi, architetto e designer italiano. Fino al 30 maggio sarà illustrato il progetto di giardino pensile per la stazione.

"Design in movimento" alla stazione di Monza Cittadini e viaggiatori saranno proiettati in un viaggio nel tempo e nello spazio. Alla stazione di Monza, fino al 27 aprile. Una mostra-video fotografica che illustrerà l'evoluzione del design d'interni delle carrozze ferroviarie e dei costumi della società italiana da inizio '900 ai giorni nostri.

"Camere con vista" a Palazzo Reale Un atro evento approfondisce l'aspetto culturale legato al salone del mobile: fino al 1 luglio Palazzo Reale ospita "Camere con vista - arte e interni in Italia 1900-2000". Un viaggio in un secolo di arte, arredo e costume italiano. Diciannove stanze, ognuna rappresentativa di una corrente artistica: dalla camera dedicata al divisionismo alla casa futurista di Giacomo Balla, dal decò milanese al razionalismo, dalle varie correnti artistiche e di design degli anni '50 alla pop art italiana, dall'arte povera alla transavanguardia, fino alle nuove generazioni.

Le 150 bolle di Masuda Hiromi Sono tutte in vetro di Murano le 150 bolle dell’artista giapponese Masuda Hiromiche. Decoreranno fino al 24 aprile l'Ottagono della galleria Vittorio Emanuele.

Olaf von Bohr a Palazzo Liberty Una raccolta dei progetti più rappresentativi del lavoro di Olaf von Bohr e un ampio scorcio sul panorama dell'industrial design. Dai materiali plastici degli anni Sessanta a oggi. La mostra, al forum austriaco di cultura a Milano fino al 26 aprile, vuole omaggiare il design italiano e von Bohr, che ha contribuito in maniera decisiva alla nascita e sviluppo della plastica nei componenti d'arredo.

"Super normal" La Triennale di Milano trasformata in tempio dell'avanguardia creativa, in occasione del salone del mobile. Una delle mostre, intitolata "Super normal", curata da Jasper Morrison e Naoto Fukasawa, presenta circa 200 oggetti comuni, di uso quotidiano: dalla penna a sfera alle mollette per il bucato, dalla forbici al taglierino in plastica. Talmente presenti nella vita di tutti da essere davvero "super normal", quasi invisibili.

"Il tempio del design" Un moderno luogo di culto per rispondere alle necessità di una società multietnica. Questa è l'idea che sta alla base dei cinque progetti in mostra allo spazio teatro IED Moda Lab. La convivenza di dodici credi religiosi: dai tre di matrice abramaica (ebraismo, cristianesimo e islam), ai tre di origine induista, (induismo, buddismo e giainismo), ai tre estremo orientali (confucianesimo, taoismo e scintoismo), all’antico zoroastrismo, al sickismo, sino alle religioni animiste.

"Design Food experience" Una bottiglia di olio d'oliva extravergine che affianca una poltrona multicolore e forme di formaggio che si trasformano in pesi per i bilancieri. Il cibo diventa oggetto d'arte e d'arredo alla Triennale, fino a lunedì 23 aprile.

La "casa dei designer" e il "bed sharing" Una casa-ostello allestita presso il campus Bovina in via Durando 10, all’interno della sala De Carli. I designer, gli architetti e gli artisti provenienti da tutto il mondo che verranno a Milano per la settimana del salone internazionale del mobile, troveranno una sistemazione a prezzi contenuti nella casa dei designer, fino al 23 aprile. www.designpubblico.it/casa.php Oppure, grazie al progetto "bed sharing", domanda e offerta di posti letto si potranno incontrare per garantire a poco prezzo un letto su cui dormire agli artisti. "Bastano 2mq per ospitare un designer", recita lo slogan dell'iniziativa. Cliccando su www.bedsharing.org.