«Lucignolo, una sfida per tenere i giovani su Italia Uno»

Il direttore Mario Giordano: «Linguaggio comprensibile e tecnologia i nostri punti di forza»

da Milano

La scorsa settimana, alla prima apparizione della sesta edizione, ha avuto uno share del 20,55 per cento con 1 milione 104mila spettatori, che per una rete come Italia Uno è oro che cola. Lucignolo è tornato con la consueta voce fuori campo stile Jack Folla, le incursioni nella vita notturna dei giovani, la caccia alle più strampalate trasgressioni e stranezze dei ragazzi. Nella prima puntata gli inviati hanno mostrato le gang dei «Latin King», i sudamericani che a Milano e Genova stanno conquistando le periferie. Ieri sera, invece, si sono addentrati nel mondo della prostituzione, anche quella moderna via web.
Per il direttore di Studio Aperto e di Lucignolo, Mario Giordano, la sfida è sempre più difficile: il suo compito è quello di trattenere su Italia Uno, la rete giovane di Mediaset, il pubblico dei ragazzi, sempre più in fuga verso le nuove tecnologie, dalla parabola a Internet. «In effetti - spiega - è un compito esaltante e complicato. Dobbiamo amalgamare la linea del telegiornale con quella del resto della rete. Non è facile: pure i miei figli (quattro, dai 14 ai 3 anni) quando accendono la Tv vanno su Sky».
E come si fa a essere appetibili per i giovani?
«Prima di tutto con un linguaggio comprensibile, poi mettendosi sulla loro lunghezza d’onda. Infine cercando di entrare in quel loro mondo tecnologico, per esempio - come abbiamo fatto - sbarcando sul digitale terrestre, sui telefonini e in Internet. Il nostro sito web ha avuto un boom di contatti. Il dialogo è importante: alcuni ragazzi ci inviano immagini di incidenti o altri avvenimenti via cellulare».
Lucignolo non schiaccia un po’ troppo l’occhio al torbido, al trasgressivo, al sexy?
«Ma noi non inventiamo niente. Raccontiamo solo quello che vediamo. La voglia di esagerare è nell’essenza stessa dell’essere giovani. Comunque, abbiamo fatto servizi anche su ragazzi che si dedicano al volontariato guidando le ambulanze di notte o che hanno fatto missioni con Greenpeace».
Torna anche il Lucignolo estivo?
«Ora ci saranno altre cinque puntate in seconda serata. Poi si passa in prime time con la serie sulla bella vita in spiaggia».