Lufthansa mette sul piatto 4 euro ad azione

da Milano

Mentre Wolfgang Mayrhuber, da Francoforte, insisteva a dire che anche Iberia, come Alitalia, «è cara», da Madrid uscivano indiscrezioni dettagliate sull’offerta che proprio Lufthansa starebbe per lanciare sulla compagnia spagnola. «Sarebbe un’ottima aggregazione», ammetteva peraltro Mayrhuber, ignaro delle notizie che si stavano diffondendo. Lufthansa appunto, secondo l’agenzia di stampa Efe, sarebbe disposta a offrire 4 euro ad azione per la compagnia, che verrebbe quindi valutata circa 3,8 miliardi di euro; Iberia, va ricordato, è già nel mirino del fondo americano Texas Pacifc group. Efe cita come fonte un azionista del vettore spagnolo rimasto anonimo.
La portavoce di Lufthansa, Stefanie Stotz, non ha voluto commentare. Il prezzo per l’offerta sarebbe dell’11% più alto di quello di 3,60 euro ad azione proposto da Tpg. British Airways, che controlla il 10% di Iberia, continuerebbe da parte sua a essere interessata. Su Iberia siamo alle prime battute di quello che potrà, dunque, essere uno scontro tra giganti, ed è un terreno di battaglia molto diverso da Alitalia: la compagnia di Madrid è stata risanata, ha un buon mercato e soprattutto sfrutta efficacemente la posizione strategica della Spagna, presidiando da leader i collegamenti con il Sud America. Intanto continuano le dichiarazioni d’interesse per Alitalia da parte di Aeroflot, che sono accolte tuttavia da un clima di scetticismo.