A luglio la benzina costava 1,558 euro, oggi è a 1,339 Per i petrolieri il margine è lo stesso?

Da metà luglio ad oggi il prezzo al consumo della benzina è diminuito di circa il 14 per cento. Nello stesso periodo il prezzo industriale del greggio (comprendente raffinazione, trasporto e guadagno) è sceso di 0,182 euro, ma poichè il greggio tale e quale non si consuma, occorre far riferimento al costo della benzina sul mercato internazionale - la cosiddetta quotazione Platts - che nello stesso tempo è scesa di 0,187 euro: la quota del margine lordo è aumentata di soli 5 millesimi di euro; idem per il gasolio. Per fare i conti, basta moltiplicare per i circa 40 milioni di tonnellate di carburante venduti nell'anno in Italia: forse, una piccola provvista a beneficio della Robin Tax.