Da luglio il calo delle tariffe sms dall’estero

da Milano

Passa a Bruxelles l’ennesimo taglio alle tariffe degli operatori di telefonia mobile. E così dal 1° luglio inviare sms con il cellulare dall’estero costerà il 60% in meno, al massimo 11 centesimi rispetto alla media Ue attuale di 29 cent. È quanto prevede la nuova proposta di regolamento della Commissione europea, che entro fine anno passerà al vaglio dei ministri Ue competenti per poi avere il via libera dell’Europarlamento entro le elezioni europee di luglio. «Se riusciamo ad ottenere questo risultato assisteremo a una crescita straordinaria dei servizi di sms e di trasferimento dati con tariffe di roaming: in realtà le tariffe basse possono essere vantaggiose per tutti», sottolinea il presidente dell’esecutivo Ue José Manuel Barroso. Cifre alla mano, la nuova proposta fissa un tetto dei costi al dettaglio per l’invio di messaggini in roaming appunto di 11 centesimi iva esclusa. Tagli in arrivo anche sulle tariffe roaming per l’uso di Internet, dove l’Italia risulta tra i Paesi più cari per i consumatori: attualmente oltre 10 euro per megabyte, contro la media Ue di 5,40 euro. Il tetto massimo per la trasmissione dati previsto dal nuovo regolamento sarà invece di 1 euro per megabyte. Un prezzo che per un operatore come «3» che usa molto le reti degli altri player del settore è perfino troppo. Per 3 il prezzo giusto sarebbe di 25 centesimi a Mb.