Lui e Kakà insieme per i bimbi

L'Onu sta preparando per il dopo mondiali un’amichevole promossa dagli ambasciatori per la lotta alla povertà e alla fame. L'idea è che si giochi nel rinnovato Maracanà, a Rio de Janeiro. Artefici dell’iniziativa Ronaldinho, da tempo ambasciatore dell’Onu, e Kakà, che ha aderito alla causa da un mese. Quando Ronaldinho diventò ambasciatore dell'Onu, il campione brasiliano disse: «Voglio fare il possibile perché nessun bambino nel mondo abbia più fame». Con le lacrime agli occhi, ricordò le proprie origini in un quartiere poverissimo. Insieme a Kakà, Ronaldinho intende ora riunire i suoi amici (tutti i migliori calciatori del mondo) per aiutare l’Onu a organizzare la partita.