Luigi Sapelli, alias «Caramba» ovvero: il mago del costume

Con il terzo volume «Caramba. Mago del costume» edito dagli Amici della Scala, prosegue la collana dedicata ai grandi personaggi scaligeri a cura di Vittoria Crespi. Grazie ai carteggi inediti provenienti da collezioni private, si evidenziano i rapporti di Caramba (Luigi Sapelli, Pinerolo 1865-Milano 1936) con Mariano Fortuny, Toscanini, D’Annunzio e i compositori del suo tempo: da Puccini a Wolf-Ferrari, da Mascagni a Leoncavallo, da Pizzetti a Respighi. Nella ricerca di Vittoria Crespi non mancano approfondimenti relativi ad attori messi in relazione con l’autore come Eleonora Duse, Maria Melato, Emma Gramatica, Guido Marchetti, Ruggero Ruggeri, il coreografo Massine, nonchè scrittori come Marco Praga, Sem Benelli e artisti del calibro di Bistolfi e Wilt. Anche le immagini fotografiche sono inedite : i costumi provengono dai laboratori di scenografia di Roma, dal Castello di Racconigi (Torino) e dalla stessa Scala. Ambientazioni suggestive rendono i figurini ancora più straordinari e creativi. Mentre si possono ammirare i costumi di Caramba per il «Don Pasquale»; (indossati da Papi, Pareto e Ruffo); «Salomè» e «Elisir d’amore», ma anche la storica edizione del «Tristano» del 1923 diretta da Toscanini. Si riportano dettagliate indicazioni sceniche, studi sul movimento della luce. Non mancano ricerche approfondite per «Turandot» della celeberrima «prima» diretta da Toscanini nel 1926. Come disse Andy Warhol: «Ogni abito di Caramba è un’opera d’arte».