La Luiss ricorda il volontario ucciso

Attilio Oliva, vicepresidente esecutivo e amministratore delegato della Luiss ha espresso ieri a nome di tutta l’università il suo cordoglio per la scomparsa di Angelo Frammartino, ucciso qualche giorno fa a Gerusalemme. «Grande ammirazione non solo per l’impegno negli studi - si legge in una nota - ma anche per quello umanitario che gli è costato la vita». Il ragazzo, che era in Medio Oriente per aiutare i bambini palestinesi, era iscritto al terzo anno della facoltà di Giurisprudenza.