Luna Rossa e Mascalzone stavolta era troppo facile

Valencia - Ieri programma facile per le due barche di punta italiane che non hanno problemi a vincere le loro due regate. Luna Rossa ha infatti spezzato le reni alla francese Areva e ha vinto poi il derby con +39, dimostratasi un po’ più gagliarda dei giorni scorsi anche se non proprio rapidissima. Tra i problemi di +39, che ogni giorno purtroppo rompe qualcosa, sembra affiorare anche il modo di portare la barca da parte della formidabile (sulla carta) coppia dei due Ian, Percy e Walker. Hanno fatto una buona partenza, hanno resistito abbastanza a lungo nel confronto con Luna Rossa, ma ogni tanto si è vista quella prua scendere troppo dalla rotta di bolina stretta alla ricerca di velocità. È davvero tutta colpa delle famose appendici o si potrebbe fare qualcosa con la regolazione delle vele e degli assetti? La mancanza di allenamento sta giocando un ruolo decisivo.
Mascalzone Latino Capitalia ha battuto United Internet Germany e China Team, che dopo aver sbagliato la partenza per un secondo, ha pure rotto il vang (una cima che impedisce al boma movimenti verso l'alto). Dunque la classifica vede sempre brillare Bmw Oracle ed Emirates Team New Zealand, anche loro premiati da un programma morbido, dietro di loro Luna Rossa e Mascalzone. Gli americani, imbattuti, hanno sempre a bordo l'armatore Larry Ellison, che ieri ha preso il timone per tagliare il traguardo. «Posso pilotare - ha detto - qualsiasi cosa si muova sulla terra, in acqua e anche in cielo. Ho i brevetti per i jet... figuriamoci se non posso timonare una barca».
Il timoniere di Emirates Team New Zealand Dean Barker si è dimostrato davvero aggressivo in partenza, puntando gli avversari senza tregua, i kiwi hanno battuto l'eroica Shosholoza e United Internet. Per la barca di bandiera sud africana e di capitale e timoniere italiani l'incontro del giorno era con Desafio. Praticamente un derby: dopo una prima bolina furiosa di Cian e Chieffi è andata male, gli spagnoli avevano un passo migliore in poppa e con la brezza sostenuta e si sono liberati.
Da riportare la rabbiosa dichiarazione di Tommaso Chieffi dopo la vittoria contro Luna Rossa dell'altro giorno: «Il signore che ha fondato quel sindacato - ha detto riferendosi a Patrizio Bertelli - ha detto che non gli servivano reduci del Moro di Venezia: glielo dovevo».