Lunardi sollecita il tunnel sotto il porto

Il progetto del nodo autostradale di Genova, la cosidetta «gronda» di Ponente e quella di Levante, dovrà comprendere anche il tunnel subalveo nell'area portuale del capoluogo ligure, con le connessioni all'area urbana e al sistema dello scalo, in modo da assicurare un effettivo potenziamento della viabilità di lunga percorrenza e di quella locale. Lo afferma il ministro di Infrastrutture e trasporti, Pietro Lunardi, in una nota inviata oggi al presidente di Anas Spa Vincenzo Pozzi e trasmessa anche all'assessore regionale ligure Lugi Merlo.
Nella lettera a Pozzi, Lunardi sottolinea ad Anas «l'esigenza di avviare prontamente la progettazione del nodo viabilistico-autostradale e stradale del capoluogo ligure in entrambi i versanti». «Il complesso infrastrutturale relativo al nodo di Genova- scrive il ministro - è, come noto, compreso fra le opere della delibera Cipe n.121 del 21 dicembre 2001 e nell'Intesa generale quadro che il governo ha stipulato con la Regione Liguria. Invito pertanto Anas- conclude Lunardi- a voler provvedere sollecitamente a tutti gli adempimenti tecnici necessari perchè tali opere, che insistono in un'area densamente popolata ed economicamente assai rilevante, possano essere quanto prima poste in fase realizzativa».