Lunedì incontro sul turno domenicale Torino va a braccetto anche con Tata

Fiat e sindacati torneranno al tavolo della trattativa lunedì per cercare una soluzione alla vertenza Melfi. All’azienda le organizzazioni sindacali proporranno un accordo ponte: sì al turno della domenica, ma non oltre il 1° gennaio prossimo. L’azienda ha invece chiesto lo svolgimento del 18° turno fino ad aprile. Si è comunque deciso di sospendere l’ora di sciopero giornaliera già programmata. Intanto è stata siglata la lettera d’intenti tra la Fiat e l’indiana Tata Motors. I due gruppi studieranno una serie possibilità di cooperazione industriale nel settore auto. La notizia dell’accordo tra i due gruppi era stata anticipata nei giorni scorsi dal Giornale. In una nota, la Fiat sottolinea che le possibilità di cooperazione riguardano le aree di sviluppo, produzione, componenti, acquisti e distribuzione di prodotti. In base all’intesa, le due società costituiranno un gruppo di lavoro per determinare fattibilità e dettagli delle cooperazioni, sia nel breve sia nel lungo termine. Se saranno individuate concrete possibilità di cooperazione, accordi definitivi potranno essere stipulati nei prossimi mesi. «L’intesa con il gruppo Tata rappresenta un altro passo nella strategia di cercare collaborazioni mirate per il settore auto», osserva nella nota l’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, ricordando le alleanze con Psa Peugeot Citroën e Suzuki nonché a lettera d’intenti recentemente firmata con Ford. Tata Motors è la più grande società automobilistica indiana, con ricavi pari a circa 4,7 miliardi di dollari.