Lunedì gli stati generali della Casa delle libertà

Il nome dello sfidante di Walter Veltroni per la poltrona di sindaco di Roma sembra ancora lontano ma, nell’attesa di un candidato che probabilmente sarà indicato dai vertici nazionali, la Casa delle libertà a Roma si riunisce lunedì, ufficialmente per la prima volta dopo la sconfitta alle regionali, per mettere a punto una strategia comune in vista delle elezioni politiche e delle amministratiche che, oltre Roma, riguarderanno 54 comuni laziali. A convocare segretari regionali e provinciali è Alleanza Nazionale, che non fa mistero tra gli alleati del suo ruolo di partito radicato sul territorio rivendicando la scelta di indicare il candidato sindaco della capitale. «La riunione - spiega il coordinatore regionale di An Francesco Aracri - serve a mettere tutti intorno a un tavolo per ritrovare i motivi di unità. È ora di definire la piattaforma politica e programmatica del Polo per le prossime elezioni». Una «strategia d’insieme» che funzioni da collante per passare poi al nodo del candidato per Roma, sulla cui scelta, si dice convinto Aracri, «non potrà non pesare l’input dei vertici locali».