Lunga riabilitazione per lady Napolitano

da Milano

L’intervento chirurgico è «pienamente riuscito», e domani Clio Napolitano, moglie del capo dello Stato, potrebbe essere dimessa dall’ospedale militare del Celio, ma la aspetta un decorso post-operatorio non facile.
Lo ha spiegato direttemente al presidente della Repubblica il tenente colonnello Sandro Luziatelli, a capo dell’équipe medica che l’ha presa in cura dopo l’incidente di giovedì: la terapia riabilitativa basata sulla ginnastica passiva è iniziata subito, ma sarà lunga. Prima di rimettersi in piedi la signora dovrà aspettare dai due ai tre mesi.
Giovedì sera, mentre usciva dal Quirinale per la consueta passeggiata serale la first lady era stata investita sulle strisce pedonali da una Panda. Al volante un’insegnante di fisica in pensione, al suo fianco il marito, ex senatore comunista. Nell’incidente ha riportato lesioni all’omero destro e alla tibia sinistra. Sabato è stata sottoposta alla operazione di riduzione della frattura del piatto tibiale sinistro, mentre la lesione al braccio non ha richiesto l’ingessatura. «L’operazione, complessa, è andata molto bene - ha rassicurato il colonnello Luziatelli, responsabile del reparto di Ortopedia e Traumatologia del policlinico militare - la signora è in ottime condizioni, anche di spirito».
Ieri mattina Clio Napolitano ha ricevuto una nuova visita del marito.