Luoghi e percorsi attraverso testimonianze di personalità illustri

«L’anima dei luoghi». Il titolo del primo numero di Mete Grand Tour, diretto da Marco Zanzi (già alla guida di «Bologna 2000 Capitale europea della cultura»), riassume il concetto di fondo della nuova rivista di Golfarelli Editore. L’obiettivo è mettere sotto la lente di ingrandimento i luoghi e i percorsi che possono interessare il turismo di qualità per scoprire o riscoprire aspetti che sfuggono a quello di massa. L’anima dei luoghi è più facilmente ed efficacemente raccontabile da chi i luoghi li conosce perché vi ha vissuto o perché, accostatovi per altri motivi, ne ha colto qualità che li hanno resi importanti per lui. I racconti di questi testimoni, che attingono a quello che l’anima dei luoghi ha trasmesso alla loro anima, sono quello a cui va alla ricerca la redazione giovane ma autorevole di Mete Grand Tour. E che sono poi riproposti in interviste esclusive e originali.
Sul numero uno della rivista, al di là delle testimonianze, non potevano mancare interventi di rappresentanti delle istituzioni coinvolte nel settore del turismo. Tra questi tre ministri quali Sandro Bondi, che sottolinea l’utilità degli investimenti sulla cultura; Michela Vittoria Brambilla, che rimarca l’importanza d’investire nel turismo e di creare sinergie per la valorizzazione del nostro Paese; Luca Zaia, il quale sostiene quanto i prodotti tipici possano essere un ottimo modo per far conoscere la realtà del territorio. A questi politici si affiancano Antonio Colombo, direttore generale di Federturismo, e Matteo Marzotto.
Lungo l’elenco delle personalità a cui è stato richiesto di raccontare luoghi, itinerari e monumenti di cui conoscono e apprezzano l'anima. Il presidente del Veneto, Giancarlo Galan, il ministro Renato Brunetta e la scrittrice Susanna Tamaro, per esempio, parlano della ricchezza di luoghi e itinerari magici del Triveneto; gli ex campioni di sci Stefania Belmondo, Gustav Thoeni, Deborah Compagnoni e Piero Gros ci accompagnano idealmente tra le loro montagne; il professor Domenico De Masi propone, invece, un itinerario incantevole lungo la Costiera amalfitana; il critico d’arte Philippe Daverio fa da guida attraverso luoghi da riscoprire della città di Milano.
E, ancora, il cantautore Lucio Dalla e il presentatore Massimo Giletti parlano, rispettivamente, di Bologna e di Torino; l’artista siciliano Piero Guccione fa conoscere Scicli, mentre Antonio Paolucci, direttore dei Musei vaticani, ci guida nei luoghi più ricercati di Firenze e lo storico Franco Cardini svela i segreti del castello di Porciano.