Luoghi e volti Sguardi d’artista sulla città

Attraverso le opere di pittori, scultori, poeti esposti in mostra allo Spazio Guicciardini della Provincia di Milano è possibile riscoprire i luoghi suggestivi della città. La rassegna dal titolo «Sguardi su Milano» a cura di Ermanno Sagliani si inaugurerà il 15 gennaio alle ore 18, nell’ambito dei progetti di solidarietà dell’Associazione Gruppo Sirio attiva sul territorio lombardo dal 1969.
Si tratta di opere d’arte figurativa che creano un ponte tra passato e presente. L’urbanista Sagliani, cinefotoreporter dal 1965, membro della Protezione civile della città e giornalista, capace con le sue fotografie segnalate all’Union World Photo e all’Istituto Geografico De Agostini di «raccontare dentro la notizia gli eventi dell’umanità», ha raggruppato pittori del calibro di Roberto Berni, Emilia Cambiaso, Carla Camporini, Mario Cantoni, Gabriella Castellari, Rolando Grittini, Giuseppina d’Orio, Gabriella Ferrario, Franco Francioli, Maria Frascotti, Rolando Grittini, Marisa Grappaglio, Isa Luchetti, Gian Carlo Luini, Gabriella Musaio Somma, Davide Platania, Elisa Rossi, Giovanni Turatti, tra le sculture di Jutta Mahnke, Giuseppina Saiu.
A fare da corollario l’opera scritta dei poeti Roberto Berni, Carla Camporini e Bruna Fusi. Una mostra collettiva aperta ad artisti del Gruppo Sirio (02-33910695), ma anche a creativi già noti sul mercato milanese che hanno l’obiettivo di valorizzare la storia della nostra città: un omaggio che ripercorre le tappe e i luoghi di Milano sotto il suo profilo culturale e storico.
La rassegna promossa dalla Provincia di Milano, settore arti visive e musei, voluta dall’assessore alla cultura Daniela Benelli è nata in collaborazione del gruppo Sirio e dell’Associazione Artistica Culturale di Milano.
In via Guicciardini 6 fino all’8 febbraio con apertura dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 fino alle 18.30 (chiusura sabato e festivi) ingresso libero, si potrà assistere anche a dibattiti sui linguaggi dell’arte e della poesia, nonchè sulla fotografia e le tecniche espressive in generale.
L’omaggio alla città vede in ogni caso come testimone indipendente sul campo il suo curatore, Ermanno Sagliani che ha cercato di creare una simbiosi artistica per tutto ciò che si può ammirare e contemporaneamente vivere e ricordare di un territorio non solamente caotico ma anche di grande impatto emozionale.