Lupi: «Letizia con noi, dimostra che questo è un progetto vincente»

«Il fatto che Letizia Moratti entri nel Pdl ha un valore enorme». A dirlo il vicepresidente della Camera Maurizio Lupi ieri durante la presentazione della manifestazione per il tesseramento del Pdl di oggi in piazza Duomo con Silvio Berlusconi. «Significa che il Popolo della libertà è una proposta politica originale. Che non è solo la somma di Forza Italia e di An, ma è una proposta nuova che si radica in coloro che l’hanno fondata e si apre anche ad altre esperienze importanti. Come la Moratti, un ottimo sindaco per Milano». Che entra nel nuovo partito anche se alle elezioni fondò una lista civica, la Lista Moratti appunto. «Questo - aggiunge Lupi - vogliamo che sia un gesto spontaneo. La dimostrazione che siamo tutti impegnati a dare un segno forte del consenso che il presidente Berlusconi ha e che Formigoni avrà ancora una volta». Lo sguardo è già alle elezioni regionali. «Penati? Uno sconfitto che ritorna. Una pessima candidatura per il centrosinistra. Mi sembra già un segno del disorientamento totale in cui versa».
Inevitabile anche uno sguardo alla politica nazionale. «Casini fa confusione tra i desideri e la realtà. L’ipotesi di un voto anticipato non esiste. Il governo sta lavorando bene e sta rispettando il programma su cui ha chiesto e ottenuto la fiducia degli italiani. La maggioranza è solida e lo ha dimostrato votando compatta ogni provvedimento in aula. È naturale che l’opposizione speri in un passo falso, ma una cosa è la speranza, un’altra la possibilità che ciò accada». Tra l’altro, ha concluso, «vorrei sapere come Casini pensa di difendere la democrazia alleandosi con Di Pietro che, con il richiamo allo scontro di piazza, ha dimostrato ampiamente di incarnare pulsioni violente e anti democratiche». Piazza Fontana? «Con l’odio non si onorano le vittime».