Luxottica in evidenza

Avvio di settimana incerto per Piazza Affari, con scambi inferiori a 6 miliardi di euro. L’andamento degli indici denota come l’offerta abbia prevalso nel comparti Midex e AllStars, in calo dallo 0,3 allo 0,6%, mentre per Mibtel e S&P/Mib le limature sono state dell’ordine dello 0,18% e 0,09%. Nel grigiore generale, solo poche voci in positivo e, tra queste, in evidenza ancora Luxottica (più 2%), Data service (più 14,2%) e Cdc (più 6,8%), mentre crolla Eurofly di oltre il 9% dopo il no di Meridiana a progetti di fusione. Le star del comparto bancario sono ancora cedenti, dopo la nuova sterzata al ribasso di Italease (meno 3,5%). Tra gli editoriali in calo Mediaset (meno 1,6%), all’opposto dell’Espresso che guadagna l’1,6%. Ingessate le blue chip, con Fiat in rialzo dello 0,9%, ma cedono Parmalat e Italcementi. Giornata negativa per le utility trascinate da Aem e Asm, in seguito all’annuncio della loro fusione.