Luxuria e il «gay pride» al santuario

La chiamano la «Juta de’ femminielli», in italiano: la salita degli omosessuali. Se ne saliranno domattina, addobbati alla gay pride, verso il santuario della Madonna di Montevergine di Avellino, guidati dal massimo teorico del transgenderismo nazionale: Luxuria. Una tradizione religiosa (la giornata della Candelora) liberamente interpretata dal movimento gay-lesbo-trans come «occasione di dialogo tra culture diverse» spiega Luxuria. Già pronti i pullman coi gay napoletani, l’ex deputata ha fatto sapere di aver invitato anche il cardinale Sepe e il ministro Mara Carfagna. Dubbia la presenza del cardinale ad Avellino, ma certa quella della ministra. Anche lei a «jutare»?». No, pura coincidenza, sarà sì nella stessa città con Luxuria e la sua banda, ma solo per la tappa avellinese di «Governoincontra».