Maccorp: «Tassi alti? È il libero mercato»

«I nostri sportelli sono sempre aperti e abbiamo grande disponibilità di valute per questo i costi alla fine lievitano»

Andrea Indini

Talvolta capita che, andando a scavare, qualcosa venga fuori. All’indomani dell’inchiesta sui cambia valuta ci sono state alcune lamentele. «Vorremmo sapere se l’intento dell’articolo è un mirato attacco alla nostra compagnia», chiede Gianluca Rossi, responsabile commerciale della Maccorp Italiana spa.
Assolutamente: l’inchiesta ha preso a campione dieci negozi. Solo successivamente ci siamo accorti che sei di questi fanno parte della vostra compagnia...
«Questo perché la nostra è la società leader nel settore. Ma non siamo gli unici. Un nome fra tutti: la Travelex. Se andate a Malpensa potete vedere che oltre al nostro ci sono due sportelli di compagnie diverse».
Resta comunque il fatto che le vostre spese di servizio sono piuttosto alte...
«È la nostra strategia dei prezzi. Bisogna tener presente, innanzitutto, che i nostri sportelli sono sempre aperti, fattore che fa lievitare abbondantemente i costi. In secondo luogo, grava sulle spese anche la costante degenza, nelle nostre casse, di ogni tipo di valuta. Le banche invece, oltre ad avere orari molto ridotti, dispongono di una limitata liquidità di valuta estera. Finché, poi, si tratta di dollari, allora non ci sono problemi. Prova, però a cercare i pesos messicani».
Come si spiega, però, che le vostre spese oscillino dal 10 al 17,90 per cento?
«L’importante è stare dentro alle spese. Per esempio, a Linate applichiamo spese di servizio inferiori, intorno all’11 per cento, ma compriamo il dollaro a un prezzo superiore. I due fattori si compensano».
Non ci sono dunque limitazioni?
«No, non ci sono. Rispetto ai cambia valuta inglesi, francesi o spagnoli noi siamo nella media. Paradossalmente, potremmo anche applicare spese dell’80 per cento. Ovviamente non sarebbe conveniente per noi perché così facendo perderemmo tutti i clienti».
Ma già così le spese applicate sono molto alte e chi vuole cambiare i soldi è costretto, nella maggior parte dei casi, a rivolgersi a voi...
«Non c’è molta scelta perché questo è un servizio di nicchia. Il cliente può scegliere: cambio e costi sono chiaramente esposti. Noi non possiamo fare di più».