Macerata fa tris con Cuneo È finale con Treviso

Francesco Rizzo

Il tabù è spezzato: Macerata conquista la sua prima finale scudetto. Suona curioso dirlo perché i marchigiani sono protagonisti del volley italiano da una decina d'anni, hanno vinto la Coppa Campioni nel 2002 e tre Coppe Cev, l'ultima in questa stagione. Ma all'atto decisivo dei playoff i biancorossi non erano mai arrivati. Ci sono riusciti ieri, battendo Cuneo nella bolgia di Osimo per 3-1 (25-19, 15-25, 25-23, 25-17) in gara 5 di una serie che ha premiato sempre chi giocava in casa. Beffardo, allora, che sia passata Macerata, che non ha un palazzo adeguato per i playoff e in questa semifinale ha dovuto giocare pure ad Ancona. Cuneo è stata protagonista fino al 15-25 del secondo parziale poi si è arresa alla classe di Miljkovic e ai muri di Rodrigao: fatale il terzo set, perso per due palloni di differenza. Lunedì scatta la finale contro Treviso, tricolore dal 2002: 5 partite con gara 1 a Osimo, perché la regular season è stata vinta da Macerata. Cioè dalla squadra del tecnico De Giorgi e del regista Sintini che un anno fa guidarono un'altra debuttante, Perugia alla finale, persa, con i veneti. Vogliono rifarsi.