Maciacchini si scusa alla Memoria

Viviana Persiani

Nel Chiostro di Santa Maria alla Fontana in via Boltraffio, domani Elsinor presenta Violaine, spettacolo tratto da L’annunzio a Maria di Paul Claudel. La messinscena, firmata da Raffaella Boscolo e Franco Calmieri che ne sono anche interpreti, racconta del sacrificio della protagonista Violaine, promessa sposa di Giacomo Hury, che anche la sorella Mara ama.
Domani al Teatro della Memoria prende il via una settimana teatrale intensa all'insegna del cabaret; a tenere a battesimo la sette giorni sarà Vieni avanti creativo, spettacolo di cabaret con Il Gomitolo, mentre mercoledì, sarà la volta di Walter Gemma con C’era una volta il milanese. Giovedì, si prosegue con Luca Maciacchini che propone sulla scena di via Cucchiari Mi scusi, eh?, mentre Dania e Mario saranno i protagonisti dello spettacolo di venerdì, proposto alle 17 e alle 21, Lee, lü e l’alter. La settimana si chiude, sabato e domenica, con Legami pericolosi.
Nel cortile dell’Osservatorio di Brera, martedì, il Filodrammatici presenta Chiamatemi Groucho. Per la regia di Marco Balbi, la vicenda si sviluppa in un’America dove vengono sconfitte le convenzioni, il perbenismo, la retorica, lasciando solo la possibilità di ridere.
Mercoledì, al Teatro di Verdura, prosegue la stagione estiva Libri in scena con Fahrenait 451 di Ray Bradbury. Lo spettacolo è ambientato in una società del futuro, nella quale leggere un libro è considerato delitto gravissimo.
Giovedì, al Teatro Studio Frigia 5 di via Frigia si conclude il trittico religioso firmato da Vincent Ronci Gaeta con la messinscena di Gemma / Sangue Dell’Agnello spettacolo che racconta della vita intrigante di Santa Gemma Galgani, vista dagli occhi della sorella minore Angelina Galgani, terrena e provocatrice.
Venerdì, invece, con replica sabato, il Frigia 5 offre ai milanesi Frammenti d’amore spettacolo che sarà inserito nella prossima stagione del nuovo spazio di zona Precotto. Traendo spunto dalle opere di Pinter, Hemingway e di Alessandro Ronchi, dove alle donne è riservato uno spazio particolare, Stefano Fiorentino, dopo essersi occupato dell’adattamento, firma anche la regia di un allestimento che pone al centro della scena il tema dell’amore, quello generoso e altruista, tipicamente femminile.
Per la rassegna Da vicino nessuno è normale, giovedì, all’Ex Paolo Pini, debutta Ata-Azienda Traghettatori Anime corpo e voce Nicolas Ceruti, Mara Marini, Cristiano Sormani Valli. Domenica, la rassegna prosegue con Il burqa e la velina di Alessandra Faiella e Giovanna Ramaglia, con Alessandra Faiella e la partecipazione straordinaria di Milvia Marigliano.
La bambola bionda e la bambola bruna è lo spettacolo previsto venerdì al Teatro di Verdura. Prodotto da Pandemonium Teatro, il lavoro scritto e diretto da Lisa Ferrari offre ad un pubblico di ragazzi, un’affascinante storia semplice nella quale si cela il dramma del sogno nazista.