Maddie forse gettata in mare da uno yacht

La polizia teme che il corpo di Maddeleine non verrà ritrovato perché buttato in mare, in un sacco di plastica colmo di pietre. <a href="/a.pic1?ID=206108" target="_blank"><strong>Lo sfogo della madre in un diario: &quot;Sono sfinita da quei bambini isterici&quot;</strong></a>

Lisbona - La polizia portoghese teme che il corpo della piccola Maddeleine non verrà mai ritrovato perchè gettato in mare, in un sacco di plastica colmo di pietre. Lo scrive il quotidiano Diario de Noticias, secondo il quale il cadavere della piccola britannica, sparita il 3 maggio da Praia da Luz, in Portogallo, potrebbe essere stato gettato in alto mare dallo yacht di un britannico. Il proprietario dell’imbarcazione era già entrato nell’inchiesta quando si sospettava di un altro cittadino britannico, Robert Murat, proprietario di una villa non lontana dal resort dove alloggiavano i McCann.

Il quotidiano portoghese fa notare che, poichè una delle ipotesi dell’indagine è che la bimba possa esser morta dentro l’appartamento che occupava con i genitori nel residence The Ocean Club, la sparizione del cadavere «può significare che la morte non fu accidentale», riferiscono fonti della polizia. Diario de Noticias aggiunge che gli inquirenti, nonostante la nuova ipotesi, stanno continuando a ispezionare il territorio a sud del residence e in particolare la costa tra Praia da Luz e la vicina città di Burgau.

I McCann: accuse ridicole Ma Gerry McCann, iscritto nel registro degli indagati insieme con la moglie Kate, ha rigettato queste ipotesi: «Ci sono enormi voragini in ognuna di queste teorie, in queste ridicole accuse», ha confidato il padre a un amico, secondo il Sun. «Per quello che ci riguarda, non c’è prova alcuna che Madeleine sia morta: in questo siamo uniti al cento per cento, non c’è il minimo sospetto tra di noi». Intanto, dopo le dimissioni della portavoce, Justine McGuinness, Kate e Gerry hanno contattato Phil Hall, ex direttore del domenicale News of the World, oggi alla guida di un’importante agenzia di relazioni pubbliche. Costretta a fronteggiare le voci che li considerano i responsabili della morte della piccola, i McCann sembrano infatti intenzionati a mantenere vivo l’interesse dell’opinione pubblica mondiale sulla scomparsa di Maddie. Ma i giornali si chiedono come la coppia potrà affrontare tutte le spese annunciate, comprese le parcelle del team di avvocati assoldato in Gran Bretagna. I McCann hanno, infatti, annunciato che i soldi raccolti nell’ambito della campagna per la ricerca di Maddie saranno utilizzati solo per cercare la figlia che loro ritengono scomparsa. Philomena McCann, sorella di Gerry, ha raccontato alla Bbc che il fratello e la moglie sono pronti a vendere la casa in cui vivono per pagare i conti degli avvocati.