MADE expo sarà un «salone di saloni»

Specializzazione e internazionalizzazione sono le due parole chiave del rinnovamento con cui MADE expo si ripresenta nella sua prossima edizione (2-5 ottobre 2013, Fiera Milano Rho). La rassegna dedicata all'intera filiera delle costruzioni si è anche allineata alle altre grandi manifestazioni internazionali del settore e ha accolto una richiesta proveniente dal mercato assumendo una periodicità biennale.
Così la successiva edizione - MADE expo 2015 - si svolgerà nello stesso anno del tanto atteso evento Expo 2015, una contemporaneità che ci si aspetta foriera di opportunità. L'enfasi sulla specializzazione è testimoniata dalla trasformazione di MADE expo in un «salone di saloni». I visitatori potranno - nella cornice di un unico evento - scoprire, toccare con mano e fare affari in ambiti complementari del mondo dell'edilizia, ciascuno ospitato in un ambiente dedicato in modo da consentire sia il confronto immediato di offerte sullo stesso tema sia la partecipazione a momenti di approfondimento e confronto su argomenti specifici. I saloni specializzati sono sei: Costruzioni e Cantiere, Involucro e Serramenti, Finiture e Interni, Energia e Impianti, Software e Hardware, Città e Paesaggio. In tutti questi saloni si potranno toccare con mano soluzioni che permettono di dare concretezza alle esigenze emergenti in tema di costruire in modo sostenibile, riqualificare il patrimonio abilitativo e pubblico esistente per ridurre i consumi energetici, migliorare la qualità della vita nei contesti urbani e tutelare la ricchezza artistica e paesaggistica del nostro Paese.
Con questa nuova organizzazione, MADE expo arricchisce la sua connotazione di «hub» qualificato per il mondo delle costruzioni, in grado di dare voce ai suoi protagonisti e ai loro sforzi sotto i profili della qualità e dell'innovazione. Eccellenze che diventano visibili sia agli occhi della clientela italiana sia ai rappresentanti delle istituzioni che, sempre in cospicuo numero, intervengono a ogni edizione di MADE expo. In Fiera si favorisce l'incontro e il confronto tra gli stakeholder del mondo dell'edilizia (aziende, associazioni, mondo della domanda) e tra essi e il mondo delle amministrazioni centrali e locali e della politica in generale. MADE expo è stata in grado, in questi anni, di aumentare la sensibilizzazione su alcune temi cruciali e promuovere l'adozione di nuove politiche a vantaggio del settore. Un esempio dei risultati anche di questa attività di «lobbying», nel senso buono della parola, sono i bonus casa varati dal governo. C'è da attendersi che sull'onda di questi provvedimenti si potrà registrare un interesse particolare a visitare, per esempio, i saloni Involucro e Serramenti, Finiture e Interni, Energia e Impianti.
In un'economia sempre più globale e interconnessa al di là dei confini, MADE expo spinge l'acceleratore sull'internazionalizzazione. Si rinnova così l'appuntamento con l'International Business Lounge, la piattaforma B2b creata per stabilire un contatto diretto tra le delegazioni ufficiali, gli operatori esteri, i grandi studi e le aziende espositrici, attraverso incontri diretti, finalizzati ad ampliare la rete d'affari.
Per attirare un numero sempre maggiore di gruppi di operatori internazionali qualificati, MADE Expo ha organizzato un road show che tocca 18 Paesi. Nel mirino vi sono mercati quali Africa, Mediterraneo, Medio Oriente, Far East, India, Cina, Russia, Nord America, Europa. Arene sulle quali le aziende italiane delle costruzioni hanno riscosso e continueranno a riscuotere successi anche grazie all'International Business Lounge, la piattaforma B2b creata per stabilire un contatto diretto tra le delegazioni ufficiali, gli operatori esteri, i grandi studi e le aziende espositrici.