"Madeleine è in Belgio" C'è anche un identikit

Una testimone l'avrebbe riconosciuta in un ristorante di Tongres: stava cenando con una donna inglese e un uomo olandese. Visto l'interesse della donna si sono allontanati su una Volvo nera. La polizia sta controllando il dna della piccola da una bottiglia

Bruxelles - La procura di Tongres, in Belgio, ha aperto un’inchiesta su Madeleine McCann, la bimba inglese di 4 anni scomparsa in Portogallo, dopo che un testimone ha detto di aver visto la bimba. La notizia è stata data nel tg serale di ieri dall’emittente Rtl-Tv1. Secondo il testimone, la bambina era in compagnia di un uomo e di una donna. Maddie era in vacanza con la famiglia a Praia da Luz, nel sud del Portogallo, quando la sera del 3 maggio scorso è sparita dalla camera dell’albergo dove dormiva insieme ai fratellini gemelli di due anni, mentre i genitori cenavano in un ristorante a circa 50 metri dal complesso alberghiero. Il testimone - si racconta nel servizio televisivo - è una psicologa per l’infanzia che avrebbe riconosciuto la piccola Maddie sabato scorso sulla terrazza di un caffè della cittadina di Tongres insieme ad un uomo di circa 40 anni e ad una donna intorno ai 25 anni.

Diffuso un identikit L’identikit dell’uomo - circa un metro e 80 di altezza, capelli e carnagione bruni - è già stato diffuso alle forze dell’ordine e alla cittadinanza, come ha confermato il sostituto procuratore di Tongres, Katia Vanderen, che ha anche lanciato un appello a tutte le persone che abbiano delle informazioni: l’invito è di trasmetterle alle forze di polizia o agli inquirenti. La polizia - sempre secondo quanto sostenuto nel servizio televisivo - avrebbe recuperato la bottiglia da cui la bambina stava bevendo nel momento in cui è stata avvistata dal testimone e starebbe ricercando l’auto su cui i due adulti e la bimba sarebbero stati visti allontanarsi.

La polizia: testimone attendibile La polizia belga, infatti, sta prendendo "seriamente" la segnalazione della testimone, giudicata dagli inquirenti "credibile", che ha riferito di una donna che si esprimeva in un inglese fluente, seduta allo stesso tavolo con un uomo olandese ed una bimba bionda, "sorprendentemente somigliante a Madeleine". La coppia e la piccola avrebbero lasciato il ristorante proprio perché insospettiti dall’interesse della testimone, che stava pranzando al tavolo accanto. "La donna è una testimone credibile, e stiamo prendendo molto seriamente la sua segnalazione", ha spiegato un portavoce della polizia belga. Gli agenti danno la caccia a una Volvo nera, con targa belga, su cui la coppia ha fatto salire la bimba e sono partiti all’uscita dal ristorante.