MADONNA DELLA GUARDIA

«La questione morale in politica è grave ed urgente», sono le parole più dure e decise nell’omelia che il cardinale e Arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco ha pronunciato ieri dal Santuario della Madonna della Guardia dove ha celebrato la funzione nel giorno della festa della Madonna del santuario genovese. «Non si tratta in primo luogo di “fare” diversamente - ha detto ancora il presidente della Conferenza episcopale italiana - ma di “pensare” diversamente, in modo più vero e nobile se si vuole purificare l’aria, e i nostri giovani non siano avvelenati nello spirito. Da qui l’appello a «chi ha responsabilità pubbliche oggi e domani» perché «ha questo primario dovere e onore» ossia «mettere in movimento delle decisioni puntuali e coraggiose perché la “cultura della vita facile ed egoista” ceda il passo alla “cultura della serietà”».
Il cardinale Bagnasco ha anche voluto ricordare il ruolo dei giovani nella società di oggi: «I giovani non vogliono essere ingannati» ha sottolineato l’Arcivescovo: «il giovane sa che la strada della realizzazione e della gioia sta da un’altra parte, quella del dovere e del sacrificio, della famiglia stabile e feconda, di rapporti veri».