Madrid, invasione pacifica Milioni di giovani in arrivo per la Giornata mondiale

Oggi l’apertura
ufficiale della Giornata Mondiale della Gioventù alla quale partecipano decine di
migliaia di giovani. Per la messa conclusiva
che Benedetto XVI celebrerà lunedi sono attesi un milione e mezzo di
fedeli

Madrid - E' un flusso continuo, una lenta, inarrestabile pacifica invasione: oggi l’apertura ufficiale della Giornata Mondiale della Gioventù alla quale partecipano decine di migliaia di giovani che, fino a ieri sera, sono giunti a Madrid proveniendo da 137 paesi dei cinque continenti. Molti sono arrivati all’aeroporto di Barajas, tanti alla stazione dell’alta velocità spagnola di Atocha, e non pochi, secondo l’antica tradizione del cammino di Santiago, a piedi, dopo giornate passate lungo le strade.

Per la messa conclusiva della Gmg che Benedetto XVI celebrerà lunedi prossimo all’aeroporto di Cuatro Ventos sono attesi un milione e mezzo di fedeli. I pellegrini in arrivo da tutto il mondo dovrebbero essere almeno un milione. Fra questi tantissimi gli italiani, fra 100 e 200mila. Saranno il primo gruppo nazionale della Gmg madrilena. Benedetto XVI sarà a Madrid da giovedi a lunedì. incontrerà più volte i giovani, celebrerà due messe, nove sermoni, presiederà una Via Crucis lungo il Paseo della Castellana, parteciperà alla "Via del Perdono" nel Parco del Retiro, nel quale centinaia di sacerdoti fra cui lo stesso papa confesseranno decine di migliaia di giovani. Negli ultimi giorni l’80% dei circa 450mila pellegrini - 100mila italiani - già iscritti presso l’organizzazione della Gmg sono giunti in Spagna facendo una tappa di avvicinamento, prima di arrivare a Madrid, in altre città, Barcellona, Santiago di Compostella, Valencia, Avila, Siviglia, dove ieri e oggi si sono svolte messe e celebrazioni.

Già ieri pomeriggio il cuore di Madrid aveva iniziato a cambiare volto. Fra Puerta del Sol e Gran Via, fra Palazzo Reale e Plaza Mayor dominavano il giallo, l’arancio e il rosso, i colori del Vaticano e della Gmg. Alcune grandi arterie del centro, come il Paseo de Recoletos, che accoglierà la Via Crucis, sono già state chiuse al traffico. Migliaia di ragazzi con in spalla lo zainetto ufficiale arancione e sul capo i cappelli gialli o arancio forniti nel "kit del pellegrino" - la temperatura sfiora i 40 gradi e il sole picchia - oggi hanno fatto turismo aspettando l’inaugurazione ufficiale di domani e l’arrivo del papa giovedi. La maggior parte dei pellegrini sono alloggiati in scuole, edifici pubblici o della Chiesa, molti sono ospitati da famiglie cattoliche di Madrid. I ristoranti del centro offrono il "menu del pellegrino", i negozi vendono bandiere del Vaticano, occhiali da sole e crema solare della Gmg, magliette souvenir con il logo della Giornata (una corona e una croce), e le chiese della capitale messe in praticamente tutte le lingue.