Maestro Trognano e le sculture lignee

«Opere insigni, e per la divotione e per il lavoro. Tre sculture lignee del Maestro Trognano al Castello sforzesco», libro a cura di Marco Bascapè e Francesca Tasso, sarà presentato domani alle 17.30 nella sala Bertarelli del Castello da Giovanni Agosti (docente di storia dell'arte moderna alla Statale). Il volume, pubblicato da Silvana Editoriale, raccoglie gli atti della giornata di studi tenutasi lo scorso 17 marzo con l'obiettivo di valorizzare le collezioni lignee del Castello e promuovere una maggiore conoscenza di questa forma d'arte in Lombardia tra Quattrocento e Cinquecento. Il convegno aveva preso le mosse partendo dalla collocazione, nel Castello, del grande rilievo ligneo del «Presepe di Trognano» risalente alla fine del XV secolo, affidato in deposito alle Raccolte d'arte applicata dall'Azienda di servizi alla persona Golgi-Redaelli di Milano. La riflessione attorno a questo lavoro, accostato a due opere, già presenti nei musei, provenienti da Santa Maria del Monte sopra Varese (pannelli con scene della Passione di Cristo), ha favorito la conoscenza dell'ancor anonimo artista, attivo per importanti commissioni in Lombardia.