Maggioranza due volte ko, pugni tra Idv e Lega

Turbolenze a Montecitorio. Il governo va sotto due volte sul ddl agricoltura. Prima passa un emendamento Udc, poi in serata testo bocciato per un solo voto. Botte e parolacce (anche tra deputati del Pdl). Evangelisti (<em>nella foto</em>) dà delle &quot;scimmie&quot; al Carroccio: è bagarre

Maggioranza battuta per due volte alla Camera sul ddl per il rafforzamento della competitività del settore agroalimentare. E contorno di rissa in Aula tra deputati dell’Idv e della Lega Nord.
Contro il parere del governo la maggioranza è stata battuta prima su una proposta di modifica avanzata dall’Udc, quindi da un altro emendamento, avanzato da Pd e Udc insieme. Visti anche i larghi vuoti tra i banchi della maggioranza, il presidente della commissione Agricoltura ha chiesto un rinvio. Ed è a quel punto che è scoppiata la baruffa in Aula tra il deputato Idv Fabio Evangelisti e il leghista Fabio Buonanno. Tra i due c’è stata addirittura una colluttazione, con qualche pugno, trattenuta a malapena dai commessi. La versione del dipietrista: «Appena ho detto al ministro Zaia che avrebbe dovuto dimettersi, dalla Lega è partito un coro “str...”. E io ho replicato, citando la polemica contro Mercedes Bresso: “Questo succede quando le scimmie escono dalle mostre”». Evangelisti ha negato di avere usato le mani. Il vicepresidente della Camera Maurizio Lupi ha sospeso la seduta. Della vicenda si occuperà oggi l’ufficio di presidenza di Montecitorio.

Già nel pomeriggio in Transatlantico erano volate parole grosse tra i deputati del Pdl Mario Pepe e Simone Baldelli. Il vicepresidente del gruppo Baldelli, stando a quanto racconta chi ha assistito alla scena, avrebbe rimproverato a Pepe di aver chiesto un rinvio delle votazioni senza averne l’autorità. Pepe, meno prestante del collega fisicamente, a voce alta e con il dito puntato ha replicato che lui, differenza di altri, si trovava in Aula nonostante sia stato «operato». Altri deputati pidiellini hanno sedato la baruffa.