La maggioranza si salva solo per due voti

Alla Camera dei deputati ricominciano le votazioni sul decreto legge fiscale collegato alla manovra finanziaria. Si riparte con l’esame degli emendamenti (circa 500, di cui 400 dell’opposizione). Ma subito emergono le difficoltà dell’Unione, che su otto emendamenti all’articolo 1 del provvedimento riesce a salvarsi solo per una manciata di voti (in un caso addirittura con uno scarto ridotto a due) nonostante a Montecitorio goda di un’ampia maggioranza (circa settanta seggi) che dovrebbe mettere l’Unione al riparo da ogni sorpresa.