Rimini capitale della magia, illusionisti in gara al Campionato del Mondo

A Palacongressi, divenuto Pala Masters of Magic - tutti giorni dalle 9 del mattino alle 2 di notte spettacoli, performance, seminari, incontri di studi, scuole di ecomagia con i grandi maghi internazionali e italiani. Sabato 11 giugno gran finale con l'incoronazione del nuovo campione mondiale. Oggi lo show più lungo e partecipato per entrare nel Guinness dei primati

Giornata speciale, oggi per i maghi alle prese con bacchette, cappelli a cilindro, carte, conigli e quant’altro - incluse le nuove tecnologie - è in grado di stupire e conquistare il pubblico. Il motivo? Le centinaia di maghi e illusionisti a Rimini fino all’11 giugno per il Campionato del Mondo di Magia in corso la Palacongressi trasformato in Pala Masters of Magic (aperto ogni giorno dalle 9 del mattino fino alle 2 di notte), hanno a disposizione un minuto per presentare una magia, ripresa via web e attentamente osservata e controllata dagli inflessibili giudici del Guinness dei primati. Preludio del gran finale di sabato 11 quando, al termine delle gare di magia, sarà incoronato il nuovo Campione del Mondo degli illusionisti.

Obiettivo, stabilire un record destinato a fare storia: lo show magico più lungo e partecipato di sempre, rinnovando così la tradizione di primati, raccolta negli ultimi anni da Masters of Magic, vera e propria multinazionale dell’illusionismo nata da un’idea di Walter Rolfo e con cui collaborano i migliori maghi dei cinque Continenti. Infatti, il 21 Maggio 2010, “Masters of Magic” ha vinto il Guinness World Record per il più alto numero di maghi presenti a un convegno di magia. Mentre Walter Rolfo nel 2008 è entrato nel libro dei record per aver estratto 300 conigli da un unico cilindro e nel 2011 nuovo primato, ottenuto questa volta insieme al mago Jabba: il più alto numero di bicchieri, ben 66, rotti con la sola forza del pensiero.

“La magia è un fenomeno in grande crescita anche nel nostro Paese, anche grazie al nostro lavoro. L’idea nata in Masters of Magic e a cui ha contribuito anche un regista, scenografo e compagno d’avventura come Alessandro Marrazzo, è stata quella di adattarla ai nuovi format televisivi e farla arrivare al grande pubblico dalle antenne dei grandi network Tv – dice Walter Rolfo -. In Italia i maghi professionisti sono 200, i semi professionisti, circa 1.500. Il club magico italiano, l’associazione ufficiale dei maghi, ha 30 delegazioni in tutta Italia e i con club locali fondati da semplici appassionati si arriva attorno ai 100 club. Gli iscritti sono 5 mila, cifra raddoppiata negli ultimi cinque anni. Sono i numeri di un successo e le prime serate che Canale 5 registra con Gerry Scotti come conduttore per il Masters Of Magic TV- Show che andrà in onda il prossimo inverno, confermano che l’illusionismo italiano ha preso la strada giusta”.

I Campionati i Mondiali di Magia sono vere e proprie Olimpiadi dell’illusionismo e si svolgono ogni tre anni a partire dalla prima edizione svizzera del 1948. A portarli per la prima volta in Italia, è l’imprenditore e mago torinese Walter Rolfo, fondatore di “Masters of Magic” e presidente del comitato organizzatore di “Fismitaly 2015”, manifestazione legata alla Fédération Internationale des Sociétés Magiques. La manifestazione impegna completamente tutti gli spazi e gli ambienti del Palacongressi di Rimini. La Sala della Piazza è un teatro da 1.500 posti e accoglie telecamere e ragia di Canale 5, mentre tutte le altre 18 location diventano luogo degli incontri, dei seminari e dei workshop inseriti nel programma del mondiale. Per un totale di 116 appuntamenti e più di 144 ore di spettacoli.

La grande novità introdotta da Walter Rolfo e chiave del successo della canditura italiana, è stata quella di aprire il mondo segreto dei maghi al pubblico con spettacoli, seminari, incontri di studi, scuole di ecomagia. Fatto unico, senza precedenti nella storia dell’illusionismo: per la prima volta i maghi permetteranno al pubblico di accedere ai luoghi in cui vengono creati i nuovi segreti dei loro spettacoli. Infatti a completare un programma con decine di eventi ogni giorno, alla sera l’esterno del centro congressuale si trasforma in un grande dehors, dove cittadini e turisti possono divertirsi insieme ai più grandi maghi del mondo, tra giochi, incontri un aperitivo o una cena.
Nel cast manipolatori e giocolieri come Armando Lucero e Michael Moschen, quest’ultimo le mani di David Bowie nel film Labyrinth; lo svizzero Marco Tempest e il tedesco Simon Pierro con la loro magia tecnologica a base di realtà aumentata,
smartphone e tablet; gli statunitensi Franz Harary, famoso per le sue magie on stage con la rockstar Michael Jackson. Con loro il mentalista Max Maven definito dal New York Times "autore di uno spettacolo di lettura del pensiero che diventa un’opera d’arte concettuale"; Luis De Matos, protagonista del programma The magicians sulla Bbc; il britannico Paul Daniels anch’egli star magica della Bbc, definito il mago della Regina per gli apprezzamenti ricevuti da Elisabetta d’Inghilterra, il re del paranormale, l’israeliano Uri Geller e dagli Usa David Kaplan, che mescola illusione, musica, giocoleria e comicità in uno show stile vaudeville.
Per l’Italia torna sulla scena Silvan, presidente onorario della manifestazione, il mago che negli anni ’70 con il suo Sim Sala Bin aveva portato nelle case degli italiani magia e illusione, grazie alle sue seguitissime trasmissioni televisive. Mentre le quote rosa, sempre più donne si stanno affermando in un mondo fino a qualche anno fa quasi completamente maschile, sono rappresentate da due ex campionesse del mondo: le cinesi Juliana Chen (1997) e Yan Yan Ma (2009).

“Non è mai accaduto prima, che nello stesso luogo tante stelle presentassero contemporaneamente al pubblico i loro show. Di solito le puoi vedere una per volta a LasVegas, nei grandi teatri di New York e in Cina o Macao, Paesi dove la magia ha un pubblico enorme – spiega ancora Walter Rolfo – con Masters of Magic abbiamo realizzato l’impossibile raccogliendoli sullo stesso palco. Negli ultimi anni grazie ai nostri spettacoli, all’ideazione di format televisivi, abbiamo riportato anche in Italia alla popolarità, soprattutto tra i giovani, illusionismo, mentalismo, e nuovi modelli di spettacolo magico come flash mob e street magic”.

Una notazione, all’Opening Gala di apertura gran finale con una cena da record: 2.600 maghi in abito bianco hanno cenato all’esterno del Palacongressi, accompagnati da musica live a da un menù assolutamente romagnolo: dalla piada fino alle lasagnette.

Il Mondiale si svolge con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, della Provincia di Rimini dei Comuni di Rimini e Parma, e della Regione Autonoma Valle d’Aosta, partner ufficiali della manifestazione. Parte del ricavato degli incassi degli spettacoli sarà devoluto in beneficenza alla “Fondazione Mago Sales”, che promuove progetti di solidarietà verso i bambini poveri, realizzati nel mondo dalle missioni salesiane.