La magica notte degli eventi: guida alla città che non dorme

Si può partire da Elio a San Lorenzo, poi in centro al Vittoriano per Andrea Pazienza e per finire la pizzica al Pincio e la colazione con gli scimpanzè al Bioparco

Anna Frangione

Ciascuno la vivrà a modo suo, questa terza Notte Bianca, costruendo la mappa degli appuntamenti imperdibili e dei percorsi attraverso la città. Ma senza dimenticare l’ombrello. Il cielo, questa sera, potrebbe giocare un brutto tiro secondo quanto riferisce il servizio meteo. Comunque vada, la kermesse non si ferma: oltre 300 eventi su un totale di 500 si svolgono in ambienti coperti, tra musei comunali e statali, biblioteche, teatri e centri sportivi. Parte alle 20,30 con «La Divina Commedia» letta da Roberto Benigni a piazza del Campidoglio e si srotola senza sonno fino all’alba con Aldo, Giovanni e Giacomo al Pincio e la «pizzica» salentina.
Musica: da Elio a Nyman.
Ce n’è per tutti i palati musicali. Il rock demenziale di Elio e le Storie Tese dalle 22,30 anima piazzale Tiburtino, a San Lorenzo. Il concerto di Marina Rei è all’Akab di Testaccio tra melodie pop e musica etnica dalle 21,30 alle 24. Al Parco della Basilica di San Paolo, si esibisce alle 21 l’ensemble cosmopolita dell’Orchestra di piazza Vittorio, con Mario Tronco degli Avion Travel. Il ritmo seducente del flamenco è di scena all’Auditorium dalle ore 22. Dal centro alla periferia. A Primavalle, piazza Capecelatro, c’è la musica e la danza popolare brasiliana di «Bandao... on the road» dalle 21 alle 24, con 44 percussionisti e ballerini. Sempre all’insegna della world music, la Notte Bianca dell’Esquilino: nel piazzale antistante il teatro Ambra Jovinelli dalle 21 Baba Sissoko è sul palco con uno spettacolo di percussioni africane e afro-brasiliane. Dalle 22 Stelvio Cipriani, autore di numerose colonne sonore, si esibisce con l’orchestra del Conservatorio di Santa Cecilia al Gianicolo. Spazio ai giovani: il critico televisivo, Vincenzo Mollica, presenta i concerti di 40 scuole medie e superiori a piazza Madonna di Loreto dalle 21 alle 24. Con «Jazz in White. La libertà della musica nera nella notte bianca» alla Galleria Colonna dalle 22 fino alle 5 in concerto ci sono le storie del jazz, da Miles Davis a John Coltrane. Ancora emozioni con le colonne sonore di Michael Nyman e la sua band alle 4,30 a piazza del Campidoglio. A salutare l’alba al Pincio c’è il Maestro Ambrogio Sparagna e la sua ensemble di 60 elementi con il ritmo frenetico e ipnotico della taranta. Il concerto comincia alle 6, e sono presenti anche Gianna Nannini, Lindo Ferretti e il dj berlinese Sascha Ring.
Scoprire l’arte. Questa è la notte giusta per visitare i musei in un’atmosfera insolita. Aperta la Galleria Nazionale d’arte Moderna che ospita teatro, musiche e immagini in «Le Mille e una notte» e «Giardino delle Fontane e cortile adiacente», la Galleria Borghese (su prenotazione), il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, il Pantheon. È possibile anche entrare nelle sale dell’ambasciata di Francia, a Piazza Farnese, dove sono esposte per la prima volta due opere di Ingres. È l’arte di Andrea Pazienza protagonista della notte al Vittoriano, con una mostra completa sulle sue opere. Moni Ovadia legge alcuni scritti del celebre fumettista. Sempre al Vittoriano, è possibile visitare la mostra del pittore Alberto Savi. Poco distante, al Museo del Corso si inaugura la retrospettiva dedicata al pittore Antonio Corpora con un centinaio di dipinti e acquerelli, dalle 20 alle 3. Ai Musei Capitolini la mostra «Leon Battista Alberti» è accessibile dalle 20 alle 6 (ultimo ingresso alle 5), e tutto il fascino della città è ai Mercati di Traiano con «Immaginare Roma Antica» dalle 20 alle 6. Anche le Scuderie del Quirinale aprono al pubblico, fino a esaurimento posti. La terrazza del Quirinale si trasforma in arena cinematografica, con quattro capolavori della filmografia italiana sull’India di Roberto Rossellini, Pier Paolo Pasolini, Michelangelo Antonioni e Bernardo Bertolucci. Aperta anche la mostra «Passaggi in India. Ieri e oggi», dalle 20 alle 6. Una riflessione originale sull’architettura attraverso il cinema, la scultura, il teatro e i giochi di luce sulle facciate dell’Acquario Romano. Alla Casa dell’Architettura si parte con la rassegna di film alle 21,30, poi si prosegue con «Le città Invisibili» di Italo Calvino, interpretate da Mariano Rigillo e Anna Teresa Rossini e le degustazioni dei sapori di cinque città (New York, Shanghai, Beirut, Roma e Torino). In contemporanea con Parigi, parte «Download.Fr/It» al Linux Club di via di Libetta: in scena istallazioni video di dieci artisti italiani e francesi. I due elementi a confronto per lo spettacolo «Les Fous de Bassin», al laghetto dell’Eur, alle 22 e alle 24. Con la regia pirotecnica di Telesforo Morsani, i personaggi giocano con il fuoco a filo d’acqua. Al Palazzo dei Congressi, tutti con il naso all’insù per lo spettacolo del funambolo Didier Pasquette. Per la prima volta a Roma, il funambolo cammina su un filo teso tra i palazzi dell’Eur a 20 metri d’altezza.
Notte di solidarietà. Gli atleti del «S. Lucia», i campioni di basket in carrozzina, si esibiscono dalle 22 alla Bocca della Verità. Dopo la musica di Niccolò Fabi e i «Ladri di Carrozzelle», una band rock composta di disabili. La comunità di Sant’Egidio apre i luoghi di accoglienza, come la mensa di via Dandolo e gli alloggi per anziani di via Magnagrecia, via Sacchi e via Cecilio. Aperto anche il mercato della città eco-solidale in via del Porto Fluviale: i proventi saranno devoluti ai progetti contro l’Aids in Africa. E per chi voglia adottare un cucciolo o un altro animale senza casa, sono aperti il Canile della Muratella, la Valle dei Cuccioli al Bioparco, l’Oasi felina di Porta Portese e il Centro recupero della Lipu.
Percorsi del gusto. Non mancano oasi di ristoro per i maratoneti del divertimento. A piazza di Pietra dalle 21 alle 3 ci sono i prodotti tipici regionali. La tappa successiva è l’Enoteca Palladium di via Frattina per lo spuntino kosher e i prodotti della cucina ebraica. A San Lorenzo dalle 19 vino e birra gratis e degustazioni dei prodotti tipici del Lazio. Tutto accompagnato dalla musica. E nel tempio della gastronomia, la Città del gusto, si svolge la Notte Bianca del Gambero Rosso: uno spettacolo di cabaret dedicato a vino, aperitivi e cocktail, dalle 19 alle 20, e la mostra «Food Design Story; 50 anni di Compasso d’Oro».