Il magico Bach di Centazzo si esalta con la fisarmonica

Per Riccardo Centazzo la fisarmonica è un organo da camera. In un disco precedente, si era scapricciato con una bella interpretazione di Frescobaldi. Qui affronta Bach, in due cd, con il Quaderno di Anna Magdalena e altre composizioni; e va un poco più cauto, perchè Bach è Bach e pretende pur sempre che tutti i conti tornino. Per noi, che abbiamo di questo strumento un’idea vagamente gitaiola o che si lega ai tanghi, ascoltarlo è un’esperienza salutare. La grandezza di questo autore, fondamento della classicità musicale, sta non nella vastità dei mezzi ma nell’espandersi e moltiplicarsi dei suoni che si sprigionano, così come l’erotismo, più che nella nudità, sta nello spogliarsi. Per questo, il Bach per fisarmonica ha una sua maestà ed una sua eleganza.

RICCARDO CENTAZZO Suona Bach (Ema Record, 2 cd)