Mailer, lo scrittore «maledetto» sedusse Madonna con la penna

«Con amore, la tua Madonna». Così la popstar si rivolgeva, nel 1994, allo scrittore americano Norman Mailer, scomparso a 84 anni lo scorso novembre, in una lettera in cui la cantante ringraziava l’autore de Il nudo e il morto di «essere sempre così coraggioso». Mailer rispose galante: «Ti sei meritata ogni buona parola che ho detto su di te. A presto, cara amica mia, Norman». La corrispondenza di una vita del due volte Premio Pulitzer Mailer è stata resa pubblica ieri grazie all’apertura dell’archivio privato dello scrittore, venduto due anni fa all’Università del Texas. Migliaia di lettere indirizzate a circa 3.500 personalità del mondo della cultura, dell’arte e dello spettacolo, tra i quali, oltre a Madonna, Bill Clinton, Clint Eastwood, Jackie Kennedy, la fotografa Diane Arbus, gli scrittori Truman Capote e Gore Vidal, e persino Hugh Hefner, fondatore di Playboy. Lettere che rivelano il lato «caldo» di un autore considerato spesso un provocatore. In una lettera del ’62 Mailer ricordava le serate trascorse nella «Playboy Mansion» di Chicago, «eccitanti come un giro all’inferno».