Malati da palestra: il fitness diventa una droga

Tutti seguono l’esempio dell’ex top model Cindy Crawford, che insegna attraverso le videocassette i segreti della ginnastica

Elena Jemmallo

da Milano

All’inizio erano le top model. Stressate, super impegnate ma con due-tre ore di palestra in agenda, irrinunciabili ogni giorno. Ora la fitness-mania colpisce indistintamente attrici, politici e uomini d’affari. Anche ai vertici dell’amministrazione statunitense. Sembra infatti che John Negroponte, il super boss dell’intelligence americana, sia «malato di fitness». A rivelarlo è la rivista del Congresso, Congressional Quarterly, secondo cui Negroponte trascorre più tempo in palestra che in ufficio a lavorare per la sicurezza degli Stati Uniti. L’uomo a cui Bush ha affidato il coordinamento dello spionaggio americano sarebbe stato «avvistato» con una certa assiduità in una celebre palestra privata a pochi passi dalla Casa Bianca, l’University Club. La super-spia citata dalla rivista ma rimasta anonima avrebbe raccontato che Negroponte trascorre tre ore al giorno dal lunedì al venerdì tra pesi e corsi di ginnastica tonificante. In particolare, tra le attività preferite ci sarebbe il nuoto e i massaggi, a cui fanno seguito alcuni momenti di relax, il pranzo e il sigaro durante la lettura dei quotidiani. Altri informatori top-secret avrebbero confermato la fitness-dipendenza di Negroponte, anche se minimizzano sulla frequenza: «Non tutti i giorni, ma solo parecchie volte alla settimana».
Verificare che tutto ciò corrisponda alla verità è ovviamente impossibile, dal momento che l’agenda di Negroponte è top secret e i suoi più stretti collaboratori hanno categoricamente smentito le insinuazioni del giornale: «Negroponte è la persona che lavora di più di tutta l'intelligence Usa», ha detto il portavoce Carl Kroft: «Lavora dall'alba al tramonto. Il suo è un lavoro senza fine».
Non è però difficile credere che anche il capo dell’intelligence americana sia stato contagiato da una tendenza più che dilagante anche all’interno della Casa Bianca. A cominciare da Bush in persona, che in più di un’occasione ha ammesso la sua passione per la bicicletta. La mountain bike Trek è infatti la fedele compagna del numero uno degli Usa durante i numerosi viaggi all'estero e durante i soggiorni al ranch di Crawford, dove Bush trascorre le vacanze. Inoltre, solo qualche settimana fa, il segretario di Stato Condoleezza Rice appariva sorridente in un programma tv della Abc in tuta, e scarpe da ginnastica, mentre pedalava sulla cyclette ed eseguiva insieme al suo personal trainer gli esercizi per mantenersi in forma. Lo scopo, come lei stessa ha dichiarato in un’intervista, è in questo caso solo educativo. Durante la trasmissione Rice infatti racconta di come riesce a fare ginnastica nonostante i numerosi impegni e viaggi che il suo incarico di segretario di Stato le impone e di come, durante le cene ufficiali, stia attenta alla quantità di calorie che assume.
La Rice, insomma, come Madonna, è decisa ad avere un fisico palestrato a tutti i costi. Anche la cantante pop, infatti, trascorre tre ore al giorno in palestra. Non solo. Per mantenersi filiforme, si sottopone a diete durissime. Ma non lo farebbe per esigenze professionali e di immagine. «Mi piacerebbe avere curve più morbide, ma scelgo sempre uomini a cui piacciono donne asciutte, il tipo di maschio che ti vuole agile e scattante», ha spiegato a Elle la popstar quarantasettenne, che è sposata con il regista britannico, Guy Ritchie, di 10 anni più giovane di lei.
Che siano esigenze di immagine o di cuore, rimane il fatto che la ginnastica a dosi massicce è uno degli antidoti più usati dai vip contro l’età. La quarantenne Cindy Crawford, top model negli anni Novanta e ora mamma di due bambini, si è appena conquistata la copertina di Max. Proprio lei, che deve moltissimo del suo successo alle video-lezioni di fitness vendutissime in America (e non solo) in cui illustrava come mantenersi in forma con la ginnastica fai-da-te nel salotto di casa.