Maledizione del gol, déjà vu 2010 e... Balotelli si ferma

Cracovia La maledizione del gol. La chiamano così dalle parti di Cracovia e raffigura una inquietante analogia con il cammino dell’Italia di Lippi nel mondiale precedente. Anche allora ai due primi, deludenti pareggi, 1 a 1 col Paraguay e 1 a 1 con la Nuova Zelanda, seguì nella terza sfida l’incredibile sconfitta maturata, a sorpresa, dalla Slovacchia. «Non ci voglio nemmeno pensare» così Marchisio e i superstiti di quella spedizione rovinosa provano a ricacciare indietro i fantasmi dell’eliminazione. Come per esorcizzare l’evento, è già pronto il piano del volo di rientro a Milano Malpensa da parte del tour operator: si vola martedì 19 giugno alle 17 da Cracovia. Corsi e ricorsi storici, allora. Già perché qui in Polonia, la colonia azzurra più numerosa è quella proveniente proprio dal mondiale di Sud Africa scandito dalle tante censure riservate a quel testone del ct viareggino campione del mondo, accusato di aver lasciato a casa indovinate chi? Balotelli e Cassano appunto, la croce e la mezza delizia dell’attuale Nazionale. Sono dieci gli esponenti del gruppo di Johannesburg (senza l’avviso recapitato a Criscito nel ritiro di Coverciano sarebbero undici), segno della continuità del lavoro di Prandelli rispetto al suo predecessore. Ancora più avvilente il legame con alcuni episodi avvenuti tra la preparazione al Sestriere e la prima partita del girone: Pirlo tradito da un insulto muscolare al polpaccio, Buffon costretto a uscire all’intervallo, dopo appena 45 minuti, rimpiazzato da Marchetti messo sotto processo (perse l’azzurro forse per quella perfomance negativa) da critica ed esperti del ruolo. Qui Barzagli non fa quasi notizia. Persino al maltrattato Donadoni, due anni prima, nell’europeo di Vienna, andò leggermente meglio: sberle sul viso dall’Olanda, pari con la Romania e successo inatteso contro la Francia, eversori Cassano e De Rossi. La sua Nazionale richiuse le valigie nei quarti al culmine della sfida con la Spagna decisa dai rigori e dall’errore dal dischetto di Di Natale. Sono 8 i superstiti di quel gruppo, i soliti noti viene da chiosare, con Buffon in porta, Chiellini e Barzagli in difesa, De Rossi e Pirlo a centrocampo, Di Natale e Cassano in attacco. Da quattro anni puntiamo sugli stessi, una garanzia ma anche una mancanza di ricambi. Anche allora, nel 2008, contro la Spagna, mancò la stoccata decisiva: Toni fu la controfigura di se stesso, Borriello, bomber principe del torneo col Genoa, rimase ai margini.
Da quattro anni a questa parte, il calcio italiano non è capace di produrre niente di più e di meglio della magnifica generazione targata Berlino 2006. Buffon, De Rossi e Pirlo sono i tre campioni del mondo presenti nell’albergo Turowka, periferia di Cracovia, e stanno cercando disperatamente di risvegliare il talento che riposa indisciplinato nella sagoma di Balotelli, uno dei più giovani del torneo, 22 anni, la scommessa più rischiosa accettata da Prandelli all’atto di sedersi sulla panchina azzurra. Sul più bello, cioè ieri, una nota ufficiale della federcalcio dà conto di un risentimento al ginocchio destro sul quale capeggiano da due giorni le borse del ghiaccio. C’è il rischio di perderlo proprio quando tutti ne reclamano il riscatto definitivo. Neanche Lippi, per rispolverare un piacevolissimo ricordo, nel mondiale 2006 ebbe dalla sua una striscia di imprese balistiche con cui dar vita alla famosa cavalcata. I gol arrivarono da Materazzi, da Totti su rigore nei tempi supplementari con l’Australia, da Grosso il più spettacolare e anche il più emblematico nella semifinale con la Germania, disegnato da un assist delizioso di Pirlo. Qui da sette mesi la Nazionale incompiuta è a caccia di un successo: il precedente, sempre in Polonia, a Wroclaw, con Balotelli e Pazzini finiti nel tabellino. Persino la designazione dell’arbitro turco Cakir può sortire qualche ansia in più: mise alla porta Balotelli in Europa league, novembre del 2011, durante City-Dinamo Kiev. Perciò da ieri pomeriggio, riposti in un cassetto l’esito dei test atletici eseguiti, Prandelli è alla ricerca della formula magica per sbarcare ai quarti di finale. Nella convinzione, sempre più estesa, che la Spagna ha un bene prezioso da difendere, la sua dignità («Se si perde la dignità una sola volta, si resta miserabili tutta la vita» ammonisce Arrigo Sacchi capofila degli scettici sull’esito «accomodato» dell’altra sfida del girone). Nel test decisivo, riproposta la difesa a quattro (Abate e Balzaretti sui lati di Barzagli e Chiellini), bisogna fidarsi. Piuttosto a centrocampo c’è il rientro di De Rossi, mentre in attacco Di Natale si scalda per Balotelli con alle spalle Cassano e Thiago Motta. Ma è l’allarme per il ginocchio di Balotelli a togliere il sonno agli azzurri. La maledizione del gol, appunto.
Commenti

COSIMODEBARI

Dom, 17/06/2012 - 09:40

Ieri sera un imprevisto quasi storico, la Grecia che vince all'italiana contro la nazionale destinata a vincere ed a passare il turno. Domani potrebbe accadere la stessa cosa tra Spagna e Croazia con noi a fare la parte, che è stata ieri della rep. Ceca. Così il biscottificio si trasformerebbe in laboratorio farmaceutico, reparto supposte.

cotoletta

Dom, 17/06/2012 - 17:52

non penso che la mancanza di balotelli sia una maledizione...... anzi....!

cotoletta

Dom, 17/06/2012 - 17:52

non penso che la mancanza di balotelli sia una maledizione...... anzi....!