Malesani: «Krasic poteva dire che non era rigore»

Nobile, ingenuo o ipocrita? <BR> «Credo che Krasic sia un bravo ragazzo - ha dichiarato Malesani negli spogliatoi-, però sarebbe stato un bel gesto dire che il penalty non c'era. Avrebbe aiutato l'arbitro».

Nobile, ingenuo o ipocrita?
Nel dopo partita di Bologna-Juventus si è parlato molto del rigore assegnato ai bianconeri nel primo tempo, e poi parato da Viviano a Iaquinta, per un fallo inesistente subito da Krasic. «Credo che Krasic sia un bravo ragazzo - ha dichiarato Malesani negli spogliatoi-, però sarebbe stato un bel gesto dire che il penalty non c'era. Avrebbe aiutato l'arbitro».
Il tecnico del Bologna ricorda un episodio a suo dire analogo capitato quando era sulla panchina del Parma: un rigore dato alla Juve e trasformato. «Per una cosa così ci ho rimesso la carriera. Fummo costretti a fare lo spareggio con l'Inter per un posto in Champions e perdemmo. Ma oggi qualcuno ci ha guardato da lassù...».
Del Neri ha visto un'altra cosa. Secondo il tecnico della Juventus, Krasic non ha simulato: «È un ragazzo che non tira a fare le cose. È sempre sottoposto a marcature importanti, forse ha avuto l'impressione che lo picchiassero».
Anche Del Neri non è male quando presume i pensieri passati per la testa di Krasic e prende le sue difese a prescindere.
Ma Malesani, è un ingenuo, un nobile fra una selva di squali, o un ipocrita perchè anche lui avrebbe intascato un rigore inesistente contro la Juventus e ne sarebbe stato contento pensando a una compensazione divina dopo tanti soprusi? Quali soprusi non è importante siano specificati, tutti gli allenatori sono convinti di averne subiti e di subirne in continuazione.