Malgrado i controlli, i taxi abusivi proliferano

Lo scorso mese il sindacato di categoria Unica-taxi Cgil aveva già lanciato l’allarme sulla carenza di controlli mirati a contrastare il fenomeno dei tassisti abusivi e dei noleggiatori che non rispettano le regole nei due aeroporti di Fiumicino e Ciampino e alla stazione Termini. In un mese in cui in molti sono partiti per le ferie estive e le squadre delle forze dell’ordine sono dimezzate, il fenomeno degli abusivi sta dilagando nuovamente. Soprattutto la notte, quando i controlli sono ridotti per la carenza di organico. Dalle denunce recepite sia dalla Squadra Vetture del Gruppo Pronto Intervento Traffico della polizia municipale (Git) sia dai Carabinieri, sono numerosi i turisti truffati ai quali sono state «estorte», cifre tra i 120 e i 200 euro per una corsa dagli aeroporti a Roma o viceversa. Gli ultimi due malcapitati, una coppia di turisti inglesi, salvati due giorni fa dai militari di Fiumicino. Giunti da Londra, in tarda serata, erano stati adescati da un uomo che si era spacciato per un tassista. In realtà era un abusivo senza nessuna licenza di tassista né documenti di guida e di circolazione, sorpreso in flagrante dai carabinieri, quando aveva già caricato i due turisti inglesi con i quali aveva pattuito la «modica» cifra di 120 euro per trasportarli dallo scalo fino in centro.
Da parte loro le forze dell’ordine cercano di tenere sotto controllo il problema, anche se è difficile, perché non è legato solo agli abusivi, ma anche ai tassisti con regolare licenza che sottraggono le corse ai loro ignari colleghi regolarmente in fila, e a quello dei noleggiatori che per arrotondare lo stipendio provengono persino da comuni lontani come Montelibretti e dall’Aquila per procacciarsi turisti. Non a caso, secondo il Git, lo speciale nucleo della Municipale, composto da una squadra di 40 unità, il 98 per cento dei verbali sono stati comminati nei confronti di noleggiatori con licenza rilasciata fuori dal Comune di Roma. Dal 1° gennaio a oggi ha effettuato 3.000 controlli nella capitale sulle licenze di noleggio con conducente, stilato 750 verbali per le violazioni riscontrate, di cui 500 solo a Fiumicino, 250 sul territorio del Comune di Roma e predisposto 110 fermi amministrativi dei veicoli. Eppure, nonostante il dispiegamento di questa task- force, in questi luoghi i «furbi» pronti a spennare l’incauto viaggiatore di turno sono sempre dietro l’angolo.