Malpensa, crociata dei senatori lombardi

Una interrogazione-interpellanza urgente al premier Prodi, che impegna il governo a forti provvedimenti urgenti per l’aeroporto di Malpensa, e chiede che non ci sia alcun «passo indietro di Alitalia sullo scalo di Malpensa, ma il mantenimento degli accordi sottoscritti nel 2002 sul sistema aeroportuale lombardo». L’ha annunciata ieri il governatore-senatore Roberto Formigoni, sottolineando la formula bipartisan dell’iniziativa: l’interrogazione è stata infatti sottoscritta da 24 senatori lombardi, 4 dei quali reclutati tra le file dell’Unione (3 Ds e 1 Margherita).
Nel testo, già depositato a Palazzo Madama, viene chiesto che «il governo impegni gli amministratori di Alitalia a definire un piano di sviluppo su Malpensa» tenendo presente gli incrementi di passeggeri registrati dallo scalo lombardo dal ’97 ad oggi. «Da governatore mi complimento col senatore Formigoni per l’iniziativa», l’autoironia del presidente lombardo.