Malpensa, Fossa, e le prediche con la memoria corta

«Repubblica» riporta il Fossa-pensiero: la politica è sempre stata contro Malpensa; sbaglia il Comune a chiedere un dividendo straordinario; l'addio di Lufthansa è un problema serio. Ma il quesito vero è un altro: a chi può interessare il Fossa-pensiero? Giorgio Fossa, un non indimenticabile presidente di Confindustria, è stato un non indimenticabile presidente Sea. Aver retto la società dal 1999 al 2003, all'indomani del via di Malpensa, dovrebbe, anzi, porre qualche interrogativo: egli seppe o non seppe far decollare l'hub in quel momento?Seppe o non seppe tenere a bada la politica cattiva che ora addita? Quel che si ricorda è che egli prima accentrò i poteri su di sé e poi, quando l'aeroporto si fermò per pochi centimetri di neve, distribuì ad altri le colpe. Se ne andò dalla Sea a Volare. Ma senza accorgersi che la compagnia era con un piede nella… fossa.